Home / Pianeta / Come si mangia nello spazio? Le tecniche di conservazioni, le sfide e le scelte degli astronauti. Intervista allo chef Stefano Polato di Argotec

Come si mangia nello spazio? Le tecniche di conservazioni, le sfide e le scelte degli astronauti. Intervista allo chef Stefano Polato di Argotec

Quali caratteristiche nutrizionali hanno questi alimenti?

astronauta argotec 462989847
Il team Argotec è composto da competenze diverse: dallo chef al tecnologo alimentare

A bordo manca la gravità con conseguenze sul peso muscolare. Si ha una accelerazione del processo di invecchiamento cellulare soprattutto perché per lunghi periodi non si può fare attività fisica. L’alimentazione è l’unico modo per preservare la salute degli astronauti. Quindi si prediligono alimenti senza sale – per evitare la ritenzione idrica – ricchi di calcio e proteine.

Quali sono i costi?

Rispetto agli stessi prodotti in vendita al supermercato i prezzi lievitano di  5/6 volte. Innanzitutto per la qualità della materia prima che scegliamo: siamo andati personalmente in Trentino a compare  le mele migliori e mature al punto giusto. Poi la produzione è ristretta (500 porzioni per ogni cibo) e il packaging incide molto sui costi perché nelle buste non devono entrare aria e luce, la pressione è alta e il materiale deve essere resistente.

È possibile trasferire l’esperienza del food spaziale nel settore “terrestre”?

team argotec
Il team di ricercatori Argotec

Sì, soprattutto per quanto riguarda lo spreco alimentare e la necessità di conservazione a lungo termine. Mi vengono in mente tutte le situazioni in cui non si ha a disposizione un frigorifero come nel caso di calamità naturali, attività estreme, escursioni in ambienti particolari … I costi, come dicevamo, sono alti, ma in quei casi di emergenza si può per esempio giocare sui numeri, producendo più di 500 buste alla volta.

 

Eleonora Viganò

© Riproduzione riservata

  Eleonora Viganò

Avatar
redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Pomodori come grappoli d’uva: la varietà creata per l’urban farming utilizzando l’editing genetico

Anche se per il momento nessun europeo potrà coltivarli, negli Stati Uniti e in altri …