Home / Prezzi / Antitrust: istruttoria contro caseifici per pratiche scorrette sul prezzo del latte

Antitrust: istruttoria contro caseifici per pratiche scorrette sul prezzo del latte

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha avviato 14 istruttorie nei confronti di altrettanti caseifici acquirenti di latte crudo, vaccino e ovi-caprino, con sede in Lombardia, Emilia-Romagna, Sardegna e Puglia, per verificare presunte pratiche sleali poste in essere a danno degli allevatori conferenti, in violazione dell’art. 62 del decreto legge n. 1/2012 che regola le relazioni commerciali nella filiera agroalimentare.

I procedimenti sono stati avviati tutti su segnalazione del ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e del Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF), a seguito dei controlli eseguiti sul campo dagli Uffici Territoriali, nel corso del 2019 e nel primo semestre del 2020.

latte
Le contestazioni riguardano l’assenza di contratti scritti e la mancata indicazione del prezzo oltre al ritardo dei pagamenti

Le contestazioni presentate  nelle comunicazioni di avvio delle istruttorie sono diverse. In nove casi sono state contestate le modalità con le quali viene disciplinata la fornitura del latte fresco, ipotizzando violazioni quali la totale assenza di contratti scritti, la mancata indicazione di elementi essenziali quali il prezzo o la quantità del latte oggetto di conferimento, la durata dei contratti inferiore a un anno, il ritardo nei pagamenti (che devono essere effettuati entro trenta giorni dall’ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura). In due casi è stata contestata l’imposizione, da parte dei caseifici di una riduzione unilaterale e retroattiva del prezzo del latte contrattualmente previsto per i mesi di marzo e/o aprile 2020, in relazione alla crisi determinatasi nel settore lattiero caseario per la pandemia da Covid-19. In tre casi, infine, sono state contestate entrambi i comportamenti.

Le pratiche si inquadrano in una situazione di significativo squilibrio di forza commerciale che connota la filiera di produzione e commercializzazione del latte crudo e vede gli allevatori conferenti in una posizione di debolezza strutturale nei confronti della controparte contrattuale, rappresentata dai caseifici di trasformazione.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

supermercato sconti comprare spesa

Danno ambientale della nostra dieta: quale dovrebbe essere il prezzo reale dei cibi? Carne +173%, latte +122%, formaggi +52%…

Settimana dopo settimana, supermercati e discount in Germania attirano con offerte speciali. Secondo un recente …