Home / Pianeta / Antibiotici e pesticidi nelle acque: agricoltura e allevamenti intensivi inquinano. Le analisi di Greenpeace, che chiede un cambio di rotta

Antibiotici e pesticidi nelle acque: agricoltura e allevamenti intensivi inquinano. Le analisi di Greenpeace, che chiede un cambio di rotta

antibiotici pesticidi allevamento agricoltura acqua greenpeaceL’allevamento intensivo e l’agricoltura industriale inquinano i corsi d’acqua europei. È questa la conclusione dell’associazione ambientalista Greenpeace, che ha portato in laboratorio campioni di acqua prelevata da 29 canali e fiumi per l’irrigazione situati in 10 Paesi europei. Per l’Italia sono stati scelti due canali e una roggia tra le province lombarde di Brescia, Cremona e Mantova, dove si concentra il maggior numero di suini allevati in maniera intensiva.

Le analisi hanno rivelato che 23 dei 29 corsi d’acqua sottoposti al test contenevano farmaci veterinari (il 79%). In particolare, sono stati trovati 21 farmaci diversi, di cui 17 con funzione antimicrobica. Tra questi 12 erano antibiotici, che sono stati riscontrati nel 69% dei campioni analizzati. Tra i più diffusi c’è la dicloxacillina (usata anche per l’uomo) rilevata con una frequenza del 66%. Il campione prelevato dalla Roggia Savarona, in provincia di Brescia, è quello con il maggior numero di farmaci, ben 11, di cui 7 antibiotici.

I pesticidi sono stati trovati in tutti i campioni analizzati. Sono stati identificate 104 sostanze, di cui 28 vietate  nell’Unione Europea. Il numero più alto di pesticidi (70) è stato scoperto in Belgio, in un campione prelevato da un canale dove si è registrato anche la concentrazione di pesticidi più alta. Dieci campioni contenevano livelli di pesticidi superiori al livello ritenuto sicuro per gli organismi acquatici, secondo l’Agenzia per la sicurezza ambientale tedesca.

Il problema dell’inquinamento non si limita a pesticidi e farmaci, ma riguarda anche i livelli di nutrienti – sostanze naturali come nitrati, nitriti e fosfati – riversati nelle acque dagli allevamenti e dai fertilizzanti usanti in agricoltura. I nitrati sono stati trovati ovunque, mentre nitriti e fosfati in due terzi dei corsi d’acqua. I nitrati erano sempre al di sotto del limite europeo per la protezione di fiumi e laghi, mentre in quattro casi, due dei quali in Italia, i nitriti hanno superato la soglia  di 0,3 mg/l oltre la quale un corso d’acqua non può più essere definito in “buono stato ecologico”.

greenpeace analisi acqua italia
Greenpeace ha analizzato le acque di 29 canali e fiumi in 10 Paesi europei, di cui tre in Italia, concentrati nella zona di maggior allevamento dei suini

Greenpeace ricorda che la presenza di queste sostanze nei corsi d’acqua potrebbe comportare un aumento del rischio di sviluppare batteri resistenti agli antibiotici, che  possono contaminare la catena alimentare umana. Oltre a ciò ci sono effetti avversi su piante e animali derivati dai pesticidi e altri principi attivi. La quantità superiore al normale di nutrienti,favorisce inoltre  fioriture rapide ed eccessive di alghe (eutrofizzazione), che una volta in decomposizione privano le acque di ossigeno creando vere e proprie “zone morte”.

L’associazione ambientalista chiede all’Unione europea e i governi nazionali di non finanziare con i fondi della Politica agricola comunitaria (Pac) gli allevamenti intensivi, che dipendono largamente dall’importazione di mangimi (magari coltivati su terreni frutto della distruzione delle foreste) e usano gli antibiotici come forma di prevenzione. Greenpeace inoltre chiede di promuovere una produzione di carne e prodotti lattiero-caseari che punti sulla qualità, insieme a una produzione ecologica di frutta e verdura.

Fonte immagini: Greenpeace

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

orto tetto coltivare

Orto sul tetto del Boston Medical Center: un’occasione per educare, svagare i pazienti e sostenere i più anziani e fragili

A Boston c’è un orto su un tetto. Ma non si tratta di un tetto …

3 Commenti

  1. Avatar
    valerio cherubini

    la roggia in questione della provincia di Brescia si chiama ” Roggia Savarona” non Savarola

  2. Avatar

    queste sono le cose importanti da portare avanti e combattere …. sappiamo tutti cosa c’è dietro a tutto questo inquinamento .. METTIAMO LA PAROLA FINE e ritorniamo a comportarci come si deve con gli animali e con l’agricoltura …. abbiamo un pericolo imminente che sono la moria delle api … importantissme x tutti noi AVANTI TUTTA Greenpeace!!!!!