Home / Allerta / Anisakis in pesce melù dalla Spagna e tossina di Shiga da Escherichia coli in insalata soncino italiana… Ritirati dal mercato europeo 75 prodotti

Anisakis in pesce melù dalla Spagna e tossina di Shiga da Escherichia coli in insalata soncino italiana… Ritirati dal mercato europeo 75 prodotti

Nella settimana n°38 del 2017 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 75 (16 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende due casi: mercurio in pesce spada congelato dal Portogallo; mercurio in pesce spada congelato dal Cile.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: additivi non autorizzati (E365 – sodio fumarato e E1421 – amido acetilato) nei prodotti congelati a base di pollo, dalla Thailandia; fipronil in sette lotti di uova dall’Italia; infestazione parassitaria da Anisakis in pesce melù (Micromesistius poutassou) proveniente dalla Spagna; chicchi di mais dall’Ungheria infestati da muffa; fipronil in miscela di uova pastorizzate destinata alla preparazione di torte dall’Italia.

Anisakis
Anisakis in pesce melù (Micromesistius poutassou) proveniente dalla Spagna

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala un’allerta per la presenza di acido okadaico e tossine (DSP – Diarrhetic Shellfish Poisoning) in cozze (Mytilus galloprovincialis) provenienti dall’Italia; un’allerta per presenza di Listeria monocytogenes in formaggio taleggio dall’Italia; fipronil in omelette congelate dall’Italia; riso a chicco lungo, biologico, infestato da insetti, dal Pakistan; cattivo stato di conservazione per condimento dagli Stati Uniti.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, la Finlandia segnala un’allerta per la presenza di tossina di Shiga, prodotta dal gruppo Escherichia coli, in insalata soncino (Valerianella locusta).

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

formaggi latticini pepe nero

Formaggio al pepe con Escherichia coli e lattosio non dichiarato in ragù di carne… Ritirati dal mercato europeo 143 prodotti

Nelle settimane n°17 e 18 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta …

2 Commenti

  1. Sarebbe possibile sapere se esiste una APP che notifichi in real time i prodotti oggetto di attenzione/richiamo?

    • Giulia Crepaldi

      Gentile Davide,
      esiste l’applicazione FoodSafeIT, che notifica tutti i richiami di prodotti alimentari pubblicati anche da Il Fatto Alimentare. L’app è gratuita ed è disponibile solo per i dispositivi Android.