Home / Packaging / L’alluminio usato per le lattine delle bevande gassate è sicuro? Risponde Luca Foltran

L’alluminio usato per le lattine delle bevande gassate è sicuro? Risponde Luca Foltran

alluminioHo letto con interesse l’articolo sui contenitori di alluminio e mi chiedevo se a proposito della migrazione di tale metallo nel cibo non fossero particolarmente pericolose le lattine che contengono le bibite, in particolare quelle a contenuto acido come la cola o contenenti agrumi. Mi sembra, infatti, che queste ultime verrebbero a soddisfare tutti i requisiti di permanenza temporale e di acidità che invece si dovrebbero evitare. Giancarlo

Alla domanda del lettore risponde Luca Foltran, esperto di packaging e sicurezza dei materiali.

Nei contenitori come le lattine è presente un rivestimento interno (coating) che ha lo scopo di minimizzare l’interazione tra bevanda e alluminio. Quindi il carattere più o meno acido della bevanda, in questa situazione, non ha rilevanza ai fini della valutazione della migrazione. Ovviamente si tratta di rivestimenti idonei a essere posti a contatto con alimenti e bevande nelle normali condizioni di impiego e difendono prodotto e metallo da interazioni che possono degradare il materiale, indurre cessioni e modificare le caratteristiche organolettiche della bevanda. Per rivestire internamente le lattine si utilizzano resine sintetiche per cui la legge prescrive esattamente precisi limiti d’impiego e criteri compositivi; le resine possono infatti essere ricavate da numerosi starter differenti ed essere miscelate ad altrettanto variegati additivi per ottenere le caratteristiche adatte a specifiche combinazioni lattina / prodotto.

Comunemente la resistenza alla corrosione si valuta con il pack test: le lattine trattate con il coating prescelto sono riempite con il prodotto e stoccate per un arco temporale corrispondente o superiore alla shelf life. Con cadenza definita si valutano la riduzione o rimozione del coating, fenomeni di migrazione, la corrosione, le modifiche dell’aspetto del metallo, le modifiche organolettiche della bevanda.

In alcuni casi, per accelerare i tempi di valutazione, si valuta il coating in condizioni estreme; la lattina è riempita con un liquido corrosivo, chiusa, danneggiata e immersa in acqua contaminata da microrganismi gasogeni. Se il coating è inadeguato, i microrganismi penetrano nella lattina e, se trovano le condizioni ottimali per crescere, ne provocano il bombaggio. La valutazione teorica del grado di aggressività di una bevanda rispetto al coating è basata sul tipo di ingredienti utilizzati nel prodotto.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Luca Foltran

Luca Foltran
esperto sicurezza dei materiali

Guarda qui

striscia la notizia alluminio

Alluminio e l’allarmismo di Striscia la Notizia. Rischi per la salute? Pochi e solo se si usa in modo scorretto

Il marasma che il servizio di Striscia la Notizia ha sollevato circa l’uso di pellicole …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *