Home / Pubblicità & Bufale / Cornetto Algida: sospeso lo spot del coniglio tenuto per le orecchie. Soddisfazione dell’Enpa

Cornetto Algida: sospeso lo spot del coniglio tenuto per le orecchie. Soddisfazione dell’Enpa

coniglio algida cornetto pubblicitaDopo essere stata sommersa dalle polemiche, Algida ha sospeso il contestato spot del Cornetto, in cui compariva un coniglio sollevato per le orecchie. Lo ha reso noto attraverso un comunicato l’Ente nazionale protezioni animali, che ha ricevuto la conferma della decisione direttamente da Unilever, la multinazionale che controlla il marchio Algida, attraverso una lettera indirizzata alla presidente Carla Rocchi.

La pubblicità era stata pesantemente criticata da veterinari e associazioni, tra cui la stessa Enpa, perché diffondeva una pratica dannosa per la salute dei conigli, che non vanno mai sollevati per le orecchie. Secondo i veterinari e gli esperti in animali esotici (così sono classificati in Italia i conigli), questa pratica, oltre a essere dolorosa, può provocare gravi danni all’animale, che cercando di liberarsi può scalciare e dimenarsi fino a provocarsi fratture della colonna vertebrale.

L’Enpa si dice soddisfatta della reazione di Unilever alle critiche sollevate e apprezza la disponibilità della multinazionale a tornare sui suoi passi rimuovendo lo spot dal canale YouTube di Algida. “Non sempre il mondo produttivo è altrettanto disponibile al confronto”, ricorda l’associazione.

© Riproduzione riservata

Ogni giorno oltre 40mila persone ci seguono.
Siamo indipendenti e liberi da logiche politiche e aziendali. Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori che coprono il 20% delle spese

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

pubblicita hamburger

Realtà o finzione? Tutti i segreti dei pubblicitari per rendere il cibo perfetto e irresistibile, nel video pubblicato da Il Salvagente

Troppo belli per essere veri, così appaiono i prodotti alimentari sui cartelloni pubblicitari e negli …

Un commento

  1. Patrizia Zandona

    per fortuna la nostra voce é stata ascoltata, speriamo che in futuro le agenzie pubblicitarie che lavorano con gli animali si informino come si deve sulla loro gestione!