Home / Supermercato / La catena tedesca Aldi sbarca in Italia, 45 supermercati entro l’anno. I nuovi discount saranno concentrati nelle regioni del Nord

La catena tedesca Aldi sbarca in Italia, 45 supermercati entro l’anno. I nuovi discount saranno concentrati nelle regioni del Nord

ALDI ortofruttaAldi, la catena tedesca leader dell’hard discount, nata nel 1913 e oggi presente in undici paesi con oltre 5.900 punti vendita, arriva anche in Italia, dove aprirà 45 supermercati nelle regioni del Nord entro la fine dell’anno. I primi dieci negozi apriranno il 1° marzo in Trentino, Veneto, Lombardia ed Emilia. Sinora sono state assunte 880 persone, che dovrebbero diventare oltre 1.500 entro l’anno. Aldi dichiara di avere l’85% di linee a proprio marchio e che il 75% dei prodotti in vendita in Italia “nascono dalla collaborazione con fornitori italiani selezionati”. “I nostri supermercati hanno in media una superficie che oscilla tra 1.400-1.500 mq con un assortimento fatto di 1.900 referenze, di cui 100 costituite da frutta e verdura”, spiega il Managing Director di Aldi, Michael Veiser.

Come osserva Il Sole 24 Ore, il peso dei discount è in continua crescita all’interno della grande distribuzione, con una quota di mercato che – secondo i dati forniti da Nielsen – a fine dicembre 2017 ha raggiunto il 17,3% delle vendite di prodotti di largo consumo confezionato, con 5.143 punti vendita (+1,5% sul 2016) e un fatturato di circa 12,2 miliardi di euro (+1,9%). Aldi dovrà vedersela con gruppi che operano in Italia già da tempo, come Eurospin e Lidl, che secondo i dati di Federalimentare nel 2016 hanno coperto, rispettivamente, il 5,6% e il 3,1% del mercato della grande distribuzione.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

Torino: come risparmiare 1.100 euro al supermercato. Nella classifica di Altroconsumo il più conveniente è Mercatò

Se a Milano la convenienza è soprattutto a firma Esselunga, a Torino, sempre secondo l’annuale …