Home / Pubblicità & Bufale / Influencer e pubblicità occulta sui social, secondo intervento di moral suasion dell’Agcm. Nel mirino blogger e personaggi meno famosi

Influencer e pubblicità occulta sui social, secondo intervento di moral suasion dell’Agcm. Nel mirino blogger e personaggi meno famosi

food blogger influencer InstagramBlogger e influencer finiscono di nuovo nel mirino dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato. Dopo un anno dal primo intervento, è scattata una seconda azione di moral suasion per mettere fine al fenomeno della pubblicità occulta nei post pubblicati attraverso i canali social di celebrità e personaggi web. Quella dell’influencer marketing e delle pubblicità nascoste nei blog, nei video e nei post sui social media è una pratica scorretta molto diffusa anche tra i food blogger, di cui Il Fatto Alimentare si è occupato più volte in passato (per esempio qui e qui).

La novità è che adesso celebrità, blogger e influencer con seguiti più o meno importanti hanno anche loroattirato l’attenzione di piccoli e grandi marchi che, dietro compenso o forniture gratuite, piazzano i propri prodotti nei blog e nei profili social del personaggio. In questo modo, al consumatore giunge il messaggio che l’influencer  segue un’azienda e ne utilizza i prodotti. Non c’è nulla di male in tutto questo, basta che il contenuto pubblicitario venga correttamente segnalato ai consumatori, ma questo spesso non accade.

Già nel 2017, l’Antitrust aveva lanciato una prima azione di moral suasion nei confronti di tutti gli operatori, in particolare grandi marchi e influencer famosi, affinché segnalassero in maniera chiara e precisa la natura promozionale dei vari post. All’epoca, le risposte giunte all’Agcm sembravano positive: celebrità del web e aziende hanno cominciato a collaborare, mentre hashtag (#nomemarchio, #nomeprodotto, #pubblicità, #ad) e riferimenti alla natura pubblicitaria dei post pubblicati sono aumentati.  Anche i social network, come per esempio Instagram, hanno potenziato gli strumenti per segnalare i post pubblicitari, al di là dell’uso di hashtag dedicati.

Con questo secondo intervento, l’Antitrust si rivolge principalmente a blogger e influencer meno famosi, ma comunque con un seguito non indifferente, che non si sono adeguati alle norme e continuano a proporre prodotti sponsorizzati senza segnalarlo ai follower. L’Agcm ricorda che inserire tag all’azienda (@nomemarchio) e hashtag con il nome del prodotto (#nomeprodotto) non sono sufficienti a identificare la natura pubblicitaria del post, ma è necessario utilizzare espressioni come: #pubblicità, #sponsorizzato, #advertising, #inserzioneapagamento oppure#prodottofornitoda.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Roberta Capua Uliveto

Uliveto: censurato il programma “Belli dentro, belli fuori” di Roberta Capua per pubblicità occulta

Il Giurì dell’Autodisciplina ha censurato per l’ennesima volta l’acqua minerale Uliveto (sentenza 14/2019) per pubblicità …

2 Commenti

  1. era ora..

  2. La novità??? Ma quale novità. Sono almeno 10 anni che si vedono questi personaggi travestiti da blogger.
    Più che “novità” direi “finalmente”.