;
Home / Lettere / Actimel Immuno+ è un latte fermentato raccomandato al di sopra i 18 anni. Danone spiega perché

Actimel Immuno+ è un latte fermentato raccomandato al di sopra i 18 anni. Danone spiega perché

Si raccomanda il consumo solo al di sopra dei 18 anni”: è la dicitura particolare che un nostro lettore ha trovato non su una lattina di bibita alcolica ma sulla confezione di un latte fermentato di Danone. Di seguito la lettera giunta in redazione, con la risposta dell’azienda produttrice.

Mio figlio è solito bere yogurtini la mattina per colazione. Stamattina mi sono accorto che sulle confezioni di Actimel Immuno+ vi è un’indicazione sulla bottiglietta in plastica che lo raccomanda solo ai maggiori di 18 anni (vedi foto sotto, ndr). Non mi sembra che questa indicazione apparisse sulla confezione in cartone (non ho la certezza in quanto l’ho buttata), ma in ogni caso mi chiedo il perché di questa avvertenza? E cosa può causare ai minori?
Luca

La risposta di Danone.

Gentile redazione, confermiamo la presenza del disclaimer – sulle confezioni e sulle singole bottigliette di Actimel – che raccomandano l’assunzione del prodotto al di sopra dei 18 anni. La ragione risiede nel fatto che l’integrazione di zinco è necessaria solo da una certa età in poi: si tratta infatti di un nutriente importante nella dieta che si assume normalmente con gli alimenti.

Ogni età ha un fabbisogno giornaliero e delle tolleranze diverse, per questo motivo consigliamo il consumo solo al di sopra dei 18 anni. Al di sotto di questa età non c’è necessità di integrare la dieta con prodotti fortificati con zinco, perché il fabbisogno giornaliero è garantito autonomamente da altre fonti. Se una persona sotto 18 anni dovesse consumare il prodotto occasionalmente, non ci si aspettano controindicazioni.

© Riproduzione riservata

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Vallelata: la mozzarella è blu! Le segnalazioni di tre lettori e la risposta dell’azienda

L’estate sembra essere la stagione in cui si registrano più casi di “mozzarella blu”. Pubblichiamo …

7 Commenti

  1. Avatar

    Beh mi sembra una non risposta. Perchè SOLO ai maggiori di 18 anni? Evidentemente consumandolo tutti i giorni per un bambino possono esserci problemi ma quali?

    • Avatar

      Beh “raccomandare” significa anche “consigliare” e la risposta della ditta chiarisce il perché sia consigliato ai maggiorenni.

  2. Avatar

    Se il significato della scritta (peraltro minuscola) vuole essere quello spiegato dalle ditta, allora è scritta malissimo!!! Il significato che si comprende è quello che ha indicato il lettore. La cambino…

  3. Avatar

    Mi sembra che l azienda abbia dato un ottima risposta,..

  4. Avatar

    Molto divertente e surreale……un barattolo da 100 grammi del beneamato contiene 13 gr di zuccheri, ergo consumandone diversi barattoli ( diciamo 4 o 5 ) molto prima di raggiungere il tetto di Zn si sfonda il limite degli zuccheri consigliati per una dieta infantile sana, indipendentemente da qualsiasi altro alimento sarà necessario per l’alimentazione giornaliera.
    Ma questo fatto non allarma il produttore naturalmente, e neanche molti premurosi genitori.

    • Avatar

      esatto!
      Questi prodotti si pubblicizzano come benefici per la salute, in realtà sono molto gradevoli per la massiccia presenza di zucchero.
      Ne ho appena visto uno, di altra marca, che ha una grande scritta “per il buon funzionamento del sistema immunitario”, con aggiunta di fermenti lattici e vitamine.
      Negli ingredienti: sciroppo di zucchero invertito, destrosio, zucchero caramellato…

  5. Avatar

    E’ un problema di categoria merceologica, per ragionare in maniera “moderna” un prodotto fermentato molto simile ( a cui non faccio pubblicità ) per contenuto di sale e di zuccheri, e che non contiene grassi saturi come ha invece questo, ottiene un mediocre punteggio nutriscore C 4.
    In più è molto probabile che questi zuccheri siano in parte aggiunti perchè il produttore ha una linea di vendita dichiarata ” 0* senza zuccheri aggiunti” e questo non ne fa parte……. ma capisco l’andazzo, il più grande sforzo che riescono a fare è promettere in due anni di cercare di calare un 10%, risultato misero e da controllare accuratamente poi per vedere se corrisponde o no a quanto dichiarato,
    Un modo collaudato per alleggerire la pressione scientifica che denuncia i danni da eccesso di zucchero soprattutto a carico degli adolescenti che invece vengono svezzati a zucchero abbondante da cui faranno immensa fatica a liberarsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *