Home / Lettere / Acqua San Benedetto: ancora una segnalazione per cattivo odore. La risposta dell’azienda

Acqua San Benedetto: ancora una segnalazione per cattivo odore. La risposta dell’azienda

San BenedettoVorrei segnalare la presenza di cattivo odore in una bottiglia di acqua San Benedetto da due litri, numero di lotto (20LA8117T) vedi foto allegata. Come dovrei procedere? È meglio contattare l’azienda o passare prima da un’associazione di consumatori? Liliana

Abbiamo chiesto all’azienda un chiarimento sulla questione visto che un problema analogo ci era stato segnalato lo scorso giugno (leggi articolo). Ecco la risposta.

Il Gruppo San Benedetto S.p.A., in merito alle segnalazioni ricevute dai consumatori sul problema di alterazione di odore riscontrato in alcune bottiglie di Acqua Minerale San Benedetto Fonte Benedicta prodotta a Scorzè (Ve), precisa che :

– Il fenomeno è di origine naturale, non è dannoso per la salute ed è stato eliminato.
–  Al fine di evitare disagi ai consumatori, l’Azienda ha spontaneamente deciso di ritirare dal mercato alcuni lotti.

L’azienda ribadisce inoltre che tutte le sue fonti:

– Sono in conformità con la legislazione vigente in materia;
– Sono oggetto di controlli continuativi, giornalieri, effettuati secondo rigidi protocolli interni che confermano la purezza delle proprie acque e l’idoneità al consumo;
– Gli esiti dei controlli giornalieri eseguiti, dalle fonti al prodotto finito, escludono la presenza di contaminanti di qualsiasi genere all’interno dei cicli produttivi di tutti gli stabilimenti San Benedetto.
– I prodotti di Acqua Minerale San Benedetto vengono costantemente controllati dagli  Organi Ufficiali Sanitari senza che via sia riscontro alcuno di non conformità.

Come sempre l’azienda ribadisce la propria attenzione nei confronti dei consumatori e la disponibilità a  provvedere al ritiro del/dei campioni per un approfondimento analitico.

Per qualsiasi informazione o approfondimento, i consumatori possono contattare il servizio clienti al numero 800.544.555. Il servizio è attivo fino alle ore 19:00.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

olio extravergine di oliva

I dubbi sulle nuove norme dell’olio extra vergine. La risposta di Alberto Grimelli di Teatro Naturale

Un lettore che opera nel settore oleario ci ha chiesto chiarimenti a proposito delle nuove …

5 Commenti

  1. E’ successo anche a me nel mese di febbraio 2018 con diverse bottiglie da 2 litri del lotto: 15LA7332T – scadenza: 30/05/19. Forte odore e gusto direi metallico…

    Ho prontamente informato tramite mail la San Benedetto e mi hanno inviato un corriere per ritirare una delle bottiglie “incriminate” per potere eseguire ulteriori esami e controlli. Inoltre, mi hanno anche omaggiato di una confezione da n. 24 pezzi di bottigliette da 0.50 l.

    Ad oggi però, nonostante diverse mail di richiesta sulle ulteriori verifiche fatte, non ho ricevuto nessuna risposta. Per sicurezza, sto custodendo una scorta di tale acqua…

  2. Buongiorno, il fatto che il cattivo odore dell’acqua sia di origine naturale non credo possa essere una scusante.
    Cordiali saluti,
    Dante G.

  3. Claudio Bardelle

    Di che “fenomeno” si tratta?

  4. gianfranco Mattioli

    Sono d’accordo con Dante. Inoltre dicono di fare analisi tutti i giorni ma non si sono accorti del cattivo odore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *