San Benedetto Millennium Water G7

Fra i vini serviti al G7 di Borgo Egnazia in Puglia c’era anche quello del giornalista Bruno Vespa, ma sui tavoli dei ristoranti trionfava l’acqua minerale San Benedetto “Millennium water“. Si tratta di acqua minerale di lusso “che ha origine da una falda acquifera millenaria situata a 236 metri di profondità, preservata da oltre 5.000 anni ”.

La bottiglia riporta in caratteri molto evidenti la scritta “Antica fonte della salute”. Il significato di questa frase è ambiguo perché non esiste una ‘fonte’ con questo nome a Scorzé, località in provincia di Venezia dove ha sede la San Benedetto e dove è imbottigliata l’acqua. Nella stessa località (Scorzé) viene anche imbottigliata l’acqua San Benedetto Ecogreen Benedicta e l’acqua minerale Fonte Guizza (entrambe di proprietà dell’azienda).

Minerali che si assomigliano

Controllando attentamente la composizione dell’acqua bevuta dai grandi del pianeta al G7, Millennium water ha valori in sali minerali e parametri chimici molto somiglianti alle altre due acque  firmate San Benedetto che fra l’altro hanno caratteristiche chimiche e un contenuto di sali minerali pressoché identico come abbiamo già scritto.

La differenza sostanziale dell’acqua servita ai grandi della terra è il valore  molto basso dei nitriti. L’altra differenza è il prezzo. Millennium water costa 10 volte di più di San Benedetto Ecogreen Benedicta e 20 volte più di Fonte Guizza (venduta soprattutto negli hard discount, ma non solo).

Acqua minerale San Benedetto
Le etichette delle tre acque minerali San Benedetto hanno composizione pressoché identica

Una bottiglia da 0,65 litri di San Benedetto Millennium costa 2,90 €. Il motivo per cui il prezzo lievita in modo vertiginoso non è per la purezza, che è un prerequisito per tutte le minerali. Il motivo è legato al marketing, che attraverso frasi come “le forme sinuose e morbide della bottiglia” e una sapiente campagna promozionale presso i ristoranti di lusso, riesce a creare un’immagine molto forte tale da vendere a un prezzo stratosferico un’acqua molto simile a quella che si trova nei supermercati e negli hard discount.

Un’ultima cosa riguarda le frase “Antica fonte della salute” proposta in grandi caratteri sulla etichetta della bottiglia. Secondo diverse sentenze dello IAP e dell’AGCM la parola ‘salute’ non dovrebbe apparire sulle etichette delle acque minerali.

Acqua minerale san Benedetto
L’etichetta dell’acqua minerale Millennium riporta la scritta “Antica fonte della salute”

© Riproduzione riservata Foto: San Benedetto

Siamo un sito di giornalisti indipendenti senza un editore e senza conflitti di interesse. Da 13 anni ci occupiamo di alimenti, etichette, nutrizione, prezzi, allerte e sicurezza. L'accesso al sito è gratuito. Non accettiamo pubblicità di junk food, acqua minerale, bibite zuccherate, integratori, diete. Sostienici anche tu, basta un minuto.

Dona ora

4.7 9 voti
Vota
Iscriviti
Notificami
guest

12 Commenti
Feedbacks
Vedi tutti i commenti
riccardo
riccardo
2 Luglio 2024 14:54

Se consideriamo che l’acqua contenuta in una bottiglia costa in media, sulla base dei canoni di concessione riscossi in Italia, circa 2 millesimi di euro al litro il prezzo che paghiamo agli imbottigliatori sono solo di aggiunte inutili e spesso poco salutari quali il marketing, il trasporto, la stampa di etichette, la Canalis o il Brumotti.
E’ vero che l’economia deve girare, ma se i canoni delle concessioni fossero rapportati all’acqua prelevata per il tornaconto del’imprenditore, forse si conterrebbe l’asportazione di un bene pubblico.
Poi niente di personale con la Famiglia Zoppas, con la Nestlè (acqua Panna e San Pellegrino) o con la Famiglia Bertone (San’Anna di Vinadio), ma quando fanno pubblicità non la facciano passare come una opera meritoria.

Adriano Rossi
Adriano Rossi
Reply to  riccardo
4 Luglio 2024 14:23

Bravo; girano troppi squaletti attorno all’acqua! Cominciarono 40 o 50 anni fa quando si beveva ancora Idrolitina fatta in casa ma, forse non guadagnavano abbastanza. Hanno scatenato una guerra contro l’acqua pubblica dicendo che era ed è inquinata, ma nella realtà spesso quella in bottiglia (di plastica specialmente) è peggio di quella di acquedotto.

Marilena filosa
Marilena filosa
3 Luglio 2024 13:54

Complimenti

nadia
nadia
4 Luglio 2024 08:40

Complimenti direttore. Finalmente qualcuno che racconta la verita’.

Maria Rosa Pellegrini
Maria Rosa Pellegrini
4 Luglio 2024 08:49

È responsabilità del consumatore che non è informato sulla realtà dei prodotti che subiscono il maquillage del marketing. Quanto a quello che è stato servito al G7 è stato pagato dai contribuenti italiani, per i quali la Sanità Pubblica non ha la copertura finanziaria, per la Scuola Pubblica per cui non c’è copertura finanziaria. Mi dispiace ma la butto in politica: G7 uno spettacolo indecoroso. Soldi delle tasse degli Italiani alle armi e all’Ucraina come da ordini degli anglo americani.

Paolo Debernardi
Paolo Debernardi
4 Luglio 2024 09:14

Scusate ma basta guardare su Google Earth dove è sita la località Scorzè per capire che:
1) a 236 m di profondità in un contesto ambientale di quel tipo le falde/risorgive non possano essere migliori di una qualsiasi captazione sita sull’arco alpino;
2) se compro quel prodotto non bevo purezza e qualità organolettiche ma bevo solo “pubblicità” e “marketing” che pago nel prezzo esoso.

Elisabetta
Elisabetta
4 Luglio 2024 09:17

I marchi più conosciuti continuano a vantare proprietà particolari e ‘salutari’ delle loro acque (mi vengono in mente anche le pubblicità di ‘U. e R. le acque della salute’), che sono comuni a tutta l’acqua, violando le norme relative ad etichettatura e pubblicità.
Le multe a quanto pare non servono perché sono irrisorie rispetto a quanto le stesse aziende investono in pubblicità, in quanto non sono proporzionate al fatturato.

Maurizio
Maurizio
4 Luglio 2024 09:18

Se consumare un prodotto fa percepire ad un consumatore uno status che probabilmente non ha e i produttori sfruttano commercialmente questa esigenza non è un problema . Se si passano i limiti della correttezza utilizzando termini fuorvianti per messaggi non va bene. L azienda di Scorze’ era già stata segnalata per messaggi pubblicitari non corretti anni fa quando faceva intendere che bere al mattino acqua con integratori potesse sostituire almeno parte della prima colazione. Dovrebbero reclamizzare anche acqua che aiuti la memoria dei consumatori . Credo che ce ne sia estremo bisogno!!!

Paola
Paola
4 Luglio 2024 09:23

Mi chiedo quale sia stato il costo complessivo di questa mistificazione con l’elevato consumo e spreco di di acqua di queste occasioni, e, parallelamente, quante altre spese inutili saranno state fatte in questa occasione, magari con la scusa del made in Italy e della ‘eccellenza’ dei nostri prodotti.

Marina
Marina
4 Luglio 2024 12:49

Grazie di questo aggiornamento che conferma iniquità’ del sistema economico, soprattutto per tutto ciò che è indispensabile nella vita, come l’acqua, a maggior ragione se penso a quella pubblica per com’è gestita in certe regioni del sud ed isole. Le fonti commercializzate poi, tutte definite minerali, dovrebbero essere riclassificate secondo una vera definizione del termine “minerale, attraverso una regolamentazione apposita tipo quella esistente in Germania (mi sembra). In tal modo le “furberie” del marketing si risolverebbero alla fonte appunto, evitando buona parte forse dei contenziosi giuridici. Che ne pensate? Grazie

chiara
chiara
4 Luglio 2024 14:30

Penso che l’acqua in vetro resti più integra rispetto a quella imbottigliata in plastica.
Si parla di stoccaggio sotto il sole, che forse fa si che la plastica rilasci qualcosa e l’acqua non sia più così “sana”.
Forse per poveri e ricchi dovrebbe essere imbottigliata tutta bel vetro, con i vuoti a render

Mauro
6 Luglio 2024 06:26

Le acque minerali in bottiglia sono un’enorme furbata imprenditoriale a discapito di consumatori e ambiente.

12
0
Ci piacerebbe sapere che ne pensi, lascia un commento.x