Home / Pubblicità & Bufale / Acqua Lete: la pubblicità dice che è povera di sodio, ma serve davvero berla o è solo fumo negli occhi?

Acqua Lete: la pubblicità dice che è povera di sodio, ma serve davvero berla o è solo fumo negli occhi?

L’acqua minerale Lete propone una pubblicità comparativa dove confronta il contenuto di sodio di cinque acque effervescenti naturali (Lete, Ferrarelle, Uliveto, Santagata e Gaudianello). La grande tabella occupa quasi metà  pagina ed evidenzia lo scarso contenuto di sodio dell’acqua Lete (5 milligrammi per litro), rispetto alle altre bottiglie che ne contengono da 4 a 26 volte di più (da 49 a 133 milligrammi).

 

L’altro elemento che balza all’occhio è che Lete risulta l’unica acqua “indicata per le diete povere di sodio”. Non ci sono dubbi, dopo avere guardato la pubblicità e confrontato i valori sulla tabella, il consumatore con problemi di alta pressione quando va al supermercato sceglie senza esitazioni Lete.

Il messaggio pur proponendo valori corretti, trae facilmente in inganno il lettore  poco avvezzo a districarsi con i numeri, soprattutto quando sono espressi in milligrammi e sono riferiti a sali minerali.

 

La pubblicità non dice che il sodio è regolarmente presente nell’alimentazione quotidiana in quantita ragguardevoli. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione ogni italiano assume mediamente 4 g o se preferite 4.000 mg di sodio al giorno, che dovrebbero essere dimezzati. A questo punto basta rileggere la tabella della pubblicità, per rendersi conto che i milligrammi contenuti nelle acque minerali hanno un’incidenza del tutto irrilevante.

 

Ridurre il sodio aggiunto negli alimenti è un giusto obiettivo, ma per ottenere questo risultato occorre limitare l’impiego di sale da cucina e, soprattutto, mangiare cibi poco salati, mentre incide poco la scelta  dell’acqua minerale piuttosto che un’altra. L’80% dell’assunzione di sale e di sodio, arriva dai i cibi pronti, dai prodotti a base di cereali e da molti alimenti industriali in cui il sale è usato come conservante o per dare maggior palatabilità, la rimanente quota proviene dal sale aggiunto a tavola e in misura minima all’acqua.

 

Bere ogni giorno due litri di acqua Lete, consente di risparmiare 90-100 mg di sodio rispetto alle altre acque citate nella pubblicità, in altre parole si tratta di una riduzione di circa il 2,5% sul sodio totale giornaliero. Questo aspetto però non è scritto nella pubblicità. Se le cose stanno così vale  davvero la pena bere acqua minerale? Io a Milano bevo l’acqua del rubinetto che contiene solo 14 mg di sodio per litro, un valore che fa concorrenza all’acqua Lete. Anche a Novate Milanese i valori del sodio variano da 9 a 12 mg/l….. cercando ancora in rete è facile scoprire che spesso e volentieri l’acqua è povera di sodio.

 

Roberto La Pira

Foto:Acqualete.it

Altri articoli sull’acqua minerale

Frizzante o naturale ecco i segreti dell’acqua minerale. Guida ragionata al bere meglio

 

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

bere acqua bicchiere vetro salute

Le bufale della rete: se si beve moltissima acqua si dimagrisce perchè diminuisce l’appetito (Iss salute)

“Se si beve moltissima acqua si perde l’appetito e si dimagrisce”. Questa credenza che gira …

2 Commenti

  1. Avatar

    Secondo le analisi allegate all’ultima bolletta di Amiacque, a Corbetta (MI)l’acqua potabile ha un contenuto di Sodio pari a 4 – 5 mg./litro

  2. Avatar

    Giusto, Paoblog ! Assumiamo fra 2000 e 4000 mg di Na al giorno e dovremmo preoccuparci delle acque ? Questo dimostra quanto è inutile e fuorviante tutto questo parlare del contenuto bromatologico dei cibi alla popolazione che non ha nessun rudimento di nozioni biochimiche o nutrizionali ! E nessuno pensa che l’acqua di mare sarà salata, ma l’acqua da bere è sempre dolce……. :-)) Questa cosiddetta "informazione" che si limita al contenuto bromatologico , lungi da acculturare il " popolo" , serve solo all’industria che ha mano libera se i " consumatori " sono ignoranti e credono di essere sapienti.