Home / Sicurezza Alimentare / Tè verde: attenzione agli integratori, possibile rischio per la salute, dice Efsa. Sicuro il consumo degli infusi

Tè verde: attenzione agli integratori, possibile rischio per la salute, dice Efsa. Sicuro il consumo degli infusi

healthy green teaConsumare infusi di tè verde è sicuro, ma potrebbero sorgere dei rischi ad assumerlo sotto forma di integratori. È questo il messaggio contenuto nella valutazione pubblicata dall’Efsa sulla sicurezza delle catechine, sostanze naturalmente presenti nel tè verde. Il rapporto dell’Autorità per la sicurezza alimentare arriva in seguito ad alcuni casi di danni al fegato forse associati all’uso di prodotti a base di tè verde, che sono stati riportati dai paesi del Nord Europa.

Gli esperti dell’Efsa hanno concluso che le catechine presenti negli infusi di tè verde preparati con acqua calda e nelle bevande istantanee sono generalmente prive di rischi. Tuttavia, l’assunzione attraverso integratori alimentari di dosi di catechine di 800 mg al giorno potrebbe comportare un rischio per la salute dei consumatori. Studi condotti su volontari hanno infatti evidenziato che quantità di catechine di 800 mg potrebbero essere associate a segni iniziali di danni al fegato.

integratori rasff
Secondo l’Efsa, l’assunzione di integratori di catechine del tè verde può comportare rischi per la salute

L’assunzione giornaliera media di queste sostanze attraverso infusi di tè verde varia tra 90 e 300 mg, tuttavia può arrivare fino a 866 mg negli adulti che ne consumano in gran quantità. Gli integratori alimentari a base di tè verde apportano un quantitativo giornaliero di epigallocatechina (Egcg), la catechina più abbondante, compreso tra 5 e 1.000 mg. Inoltre, le catechine degli integratori possono essere più concentrate o avere una composizione diversa rispetto a quelle contenute negli infusi di tè verde.

Ad influire sulla valutazione, c’è anche la diversa modalità di assunzione delle catechine contenute nel tè e negli integratori. Gli infusi tendono infatti a essere consumati insieme al cibo e distribuiti nell’arco della giornata, mentre gli integratori vengono spesso assunti a digiuno e in un’unica dose giornaliera.

L’Efsa raccomanda di condurre ulteriori studi sugli effetti sulla salute delle catechine del tè verde e propone di introdurre un’etichettatura più chiara, in particolare per gli integratori, circa il contenuto di catechina e gli effetti sulla salute derivanti da un’assunzione eccessiva di queste sostanze.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

White pills

Il sucralosio potrebbe essere pericoloso per la salute. Se riscaldato dà origine a diossine e furani, secondo il Bfr tedesco

Il sucralosio, dolcificante artificiale 600 volte più dolce dello zucchero (saccarosio), due volte più della …

Un commento

  1. Giusta segnalazione a scopo preventivo, di una sostanza benefica come molte altre di largo consumo, che se assunte in abbondanza ed in eccesso (perché poco fa bene di più fa sicuramente meglio), producono l’effetto contrario.
    Perché la quantità distrugge la qualità ed i suoi benefici, sia alimentari sia salutistici.