Home / Archivio dei Tag: coca-cola (pagina 5)

Archivio dei Tag: coca-cola

Meno zucchero nelle bibite e no alla pubblicità diretta ai bambini: in Francia uno strano accordo tra governo e produttori di bibite

zucchero bibite zuccheri aggiunti

In Francia, i maggiori produttori di bevande zuccherate hanno sottoscritto un accordo con il Ministero dell’agricoltura, con cui s’impegnano a ridurre del 5% lo zucchero aggiunto nei prodotti, entro il 2015, rispetto al contenuto presente nel 2010. L’accordo, siglato all’interno del Programma governativo per l’alimentazione, è stato sottoscritto dall’Unione nazionale delle bevande analcoliche (SNBR), che rappresenta oltre l’80% del mercato …

Continua »

Multinazionali del cibo: identikit delle 10 aziende che governano il mondo dell’alimentazione su: lavoro, trasparenza, ambiente, acqua…

oxfam-scopri1

L’impatto dell’industria agroalimentare non riguarda solo le scelte nutrizionali e la salute dei consumatori. In ballo ci sono anche gli effetti sull’ambiente e sulle condizioni di vita dei lavoratori del settore, che non sono pochi: oltre un miliardo di persone nel mondo, circa un terzo della forza lavoro globale. Proprio su questi aspetti si era concentrato lo studio Scopri il …

Continua »

Coca-Cola e PepsiCo s’impegnano a ridurre del 20% le calorie in dieci anni

coca-cola

  Le principali compagnie produttrici di bibite gassate e zuccherate s’impegnano a ridurre del 20%, entro il 2025, le calorie provenienti dalle bibite consumate dagli americani. Lo hanno annunciato l’Alliance for a Healthier Generation, costituita dall’American Heart Association e dalla Clinton Foundation, e l’American Beverage Association, con un’inserzione a pagamento di una pagina sul New York Times, insieme a Coca-Cola, …

Continua »

Messico: con la nuova tassa bevande zuccherate calano le vendite nel primo paese al mondo per consumo pro capite

In Messico, la tassa su cibi e bevande ad alto contenuto calorico, in vigore da gennaio per combattere la piaga del diabete e dell’obesità, sembra funzionare. Nel secondo trimestre di quest’anno Coca-Cola ha registrato una diminuzione delle vendite in Messico dell’1,5%, che la compagnia attribuisce alla nuova tassa di un peso (circa 7 centesimi di euro) per ogni litro di …

Continua »

Coca-Cola Park Lives per combattere l’obesità: in programma sport e giochi nei parchi inglesi. Marketing furbo per nascondere lo zucchero delle lattine

A Coca-Cola può bastare un programma di organizzazione del tempo libero per proclamarsi paladina della lotta all’obesità? È questo il ruolo in cui oggi si vorrebbe identificare la multinazionale leader nel mercato di produzione e distribuzione di bevande dolci analcoliche, con l’iniziativa Park Lives lanciata un anno fa in Gran Bretagna. La prima città  coinvolta è stata  Birmingham seguita da …

Continua »

Mondiali di calcio sponsor e obesità: ecco perchè le aziende del junk food sono in prima file nel promuovere lo sport

Due delle riviste di medicina più importanti al mondo, Lancet e British Medical Journal, attaccano duramente la Fifa per aver ammesso fra gli  sponsor e i partner dell’organizzazione dei Mondiali di calcio la Coca Cola, McDonald’s e l’azienda produttrice di birra Budweiser. Secondo Thiago Hérick de Sà, nutrizionista dell’Università di San Paolo e autore dell’articolo pubblicato da Lancet, queste sponsorizzazioni …

Continua »

Dal 2018 stop alla pubblicità di alimenti e bevande nutrizionalmente poveri diretta ai minori di 12 anni

Venticinque grandi compagnie alimentari, aderenti al Consumer Goods Forum, hanno annunciato che dal 2018 non faranno più pubblicità, rivolta ai bambini al di sotto dei 12 anni, di prodotti alimentari che non soddisfano determinati requisiti nutrizionali approvati dalla World Federation of Advertiser, basati su evidenze scientifiche e su linee guida nazionali e internazionali per una dieta corretta. La scadenza del …

Continua »

Notizie dal mondo: nanomateriali, succo al mirtillo Coca-Cola, zucchero nelle bibite, ogm e ingredienti della birra

Le notizie dal mondo di questa settimana arrivano da Germania, Francia, Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Europea   Ricerca franco-tedesca sulla possibile tossicità dei nanomateriali negli alimenti In Germania è stata avviata una ricerca franco-tedesca, che terminerà nell’agosto 2017, per studiare la tossicità e l’effetto dei nanomateriali presenti nei prodotti alimentari, sul corpo umano, in particolar sul fegato e …

Continua »

La Corte Suprema Usa ha deciso: sì al processo contro Coca-Cola per il succo al mirtillo e melograno

I giudici della Corte Suprema statunitense hanno deciso all’unanimità che, se un’azienda utilizza un’etichetta autorizzata dalla Food and Drug Administration (FDA), può comunque essere denunciata da un concorrente, se questi ritiene che quell’etichetta travisi la reale natura del prodotto (in virtù di quanto scritto nel Lanham Act).   La pronuncia della Corte Suprema riguarda la controversia tra Pom Wonderful, che …

Continua »

Coca-Cola cambia il tappo e la bottiglia diventa uno spray, un temperino, un pennarello, una lampadina, un giocattolo. Il progetto al via in Vietnam

Una pistola ad acqua, uno spray per detersivi, un pennarello, sono alcuni dei nuovi tappi che abbinati alla bottiglia vuota di Coca-Cola la trasformano in altrettanti oggetti di uso quotidiano. L’esperimento sarà lanciato in Vietnam, dove la compagnia ha intenzione di distribuire 40mila kit con 16 diversi tipi di tappo per trasformare le bottiglie vuote in temperamatite, lampade, dosatori per shampoo …

Continua »

Un centinaio di nanomateriali sono utilizzati indiscriminatamente in alimenti e bevande ma non vengono indicati sulle etichette. Occorre regolamentare il settore

“Piccoli ingredienti, grandi rischi” è il titolo del nuovo rapporto dell’associazione ambientalista Friends of the Earth sulla diffusione dei nanomateriali negli alimenti. Rispetto al  documento del 2008, che segnalava otto nanomateriali presenti sul mercato statunitense, quello nuovo ne ha rintracciati 94,  utilizzati senza alcuna regolamentazione e senza alcun obbligo di indicare la presenza nell’etichetta. I produttori che utilizzano le nanoparticelle …

Continua »

Notizie dal mondo: Campylobacter, ignoranza nutrizionale, pellicola per la carne, BPA in Francia, Coca-Cola e Pepsi senza olio vegetale bromurato

Le notizie dal mondo di questa settimana arrivano da Gran Bretagna, Stati Uniti e Francia   Con il barbecue estivo è in arrivo anche il Campylobacter Con l’estate arriva la stagione del barbecue, una tradizione che può essere a rischio d’intossicazione. Come riferisce il britannico The Star, nella città inglese di Doncaster, che conta quasi 70.000 abitanti, negli ultimi tre …

Continua »

Coca-Cola e PepsiCo costrette da una petizione online a eliminare l’olio vegetale bromurato da tutte le loro bibite

Coca-Cola

Coca-Cola ha annunciato che nei prossimi mesi eliminerà dalle sue bibite, in tutto il mondo, l’olio vegetale bromurato. L’additivo è utilizzato come stabilizzatore nelle bibite aromatizzate ed è già vietato in Europa e in Giappone. La decisione nasce dalla pressione organizzata da una diciassettenne del Mississippi, Sarah Kavanagh. Alla fine del 2012 la ragazza aveva lanciato una petizione su Change.org, con …

Continua »

Succo di frutta al mirtillo e al melograno prodotto dalla Coca-Cola citato davanti alla Corte Suprema Usa. La bevanda contiene meno dell’1%. A fine giugno il verdetto

Udienza imbarazzante per Coca-Cola, davanti ai giudici della Corte Suprema statunitense, sulla controversia riguardante la presunta ingannevolezza dell’etichetta del suo succo di frutta “Enhanced Pomegranate Blueberry Flavored 100% Juice Blend of 5 Juices”, prodotto da Minute Maid, un marchio di proprietà di Coca-Cola. Un’azienda concorrente, la Pom Wonderful, che produce un succo al 100% di melograno e mirtillo, ha portato …

Continua »

Tassa sulle bibite zuccherate: riduzione modesta dei consumi, ma effetti importanti sul lungo periodo

Una tassa sulle bibite zuccherate produce un minor consumo di queste bevande, seppur moderato, senza che le persone le sostituiscano con dolcificanti artificiali o snack zuccherati. Aumenta, invece, l’acquisto di caffè e tè. Lo afferma uno studio condotto in Olanda, che per la prima volta ha studiato con metodo scientifico l’effetto di questa misura fiscale, che è sempre maggiormente oggetto …

Continua »