Home / Archivio dei Tag: Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Archivio dei Tag: Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato

Multa da 60 milioni ad Algida. Il Tar conferma: abuso di posizione dominante contro La Bomba piccola azienda di ghiaccioli di Rimini

gelato la bomba

Il Tar del Lazio ha respinto, giudicandolo infondato, il ricorso di Unilever Italia, proprietaria del marchio Algida, contro il provvedimento dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Antitrust) che censurava la multinazionale per concorrenza sleale nei  confronti di un piccolo produttore di gelati dell’Emilia-Romagna. I fatti risalgono allo scorso dicembre quando a Unilever viene comminata una multa di 60.668.580 euro per …

Continua »

Dopo il Giurì anche l’Antitrust dice basta alla pubblicità mascherata di blogger e influencer su Facebook, Instagram, YouTube …

food blogger cellulare foto ristorante

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha inviato lettere di moral suasion ad alcuni dei principali influencer e blogger, e alle società titolari dei marchi visualizzati in questi siti senza che non indicano la natura commerciale della comunicazione. La decisione è il frutto di indagini iniziate dopo le polemiche su alcuni blogger che attraverso i social fanno pubblicità ai …

Continua »

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato sanziona Acqua & Farma per pratica commerciale scorretta

bere acqua bicchiere vetro salute

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato l’azienda Acqua & Farma per pratica commerciale scorretta. Attraverso il proprio sito internet http://www.acquaefarma.it la ditta commercializza apparecchiature per il trattamento dell’acqua enfatizzando in maniera scorretta, secondo il Garante, i benefici sulla salute. L’autorità ha iniziato le  indagini dopo la segnalazione di un concorrente fatta lo scorso 4 ottobre che evidenziava …

Continua »

L’antitrust ha avviato una consultazione pubblica per la bozza del regolamento sulla pubblicità ingannevole e comparativa, violazioni…

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) ha diffuso la bozza di regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, pratiche commerciali scorrette, violazione dei diritti dei consumatori nei contratti, violazione del divieto di discriminazioni, clausole vessatorie (vedi nota).   Il nuovo testo è destinato ad abrogare il Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità …

Continua »

Red bull negli USA rimborsa 13 milioni di dollari ai clienti: non “mette le ali” come dice la pubblicità! In Italia la società ha collezionato diverse censure

Red Bull ha accettato di pagare 13 milioni di dollari (circa 10 milioni di euro) per evitare una class action contro lo spot della bibita resa famosa dallo slogan «Red Bull ti mette le ali». Secondo i consumator la pubblicità «induce in errore con unoo slogan che implicitamente promette un aumento delle prestazioni», quando in realtà una lattina della  bevanda …

Continua »

Grom continua a dire che il suo gelato è senza additivi, ma non è vero. Esposto al Giurì della pubblicità e all’Antitrust

Due anni fa abbiamo chiesto a Grom, ossia a Guido Martinetti, patron della catena di gelaterie, di togliere dai punti vendita i manifesti, i depliant e le scritte su muri in cui si dice che “Grom non utilizza coloranti, aromi, conservanti e additivi chimici. Non lo abbiamo mai fatto e non lo faremo mai”, ritenendola una pubblicità scorretta e ingannevole. …

Continua »

Cracker non salati? Tredici aziende dovranno cambiare le etichette. Le informazioni nutrizionali erano scorrette o vaghe

Tredici aziende dovranno cambiare le frasi sulle etichette e sui siti internet riferite alla quantità di sale contenuta nei prodotti. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha preso questa decisione dopo aver rilevato che molte confezioni di cracker, quella di un salume e di un digestivo effervescente, riportavano scritte scorrette o ambigue, sull’effettivo quantitativo di sale presente.   …

Continua »

Stop alle false indicazioni “senza zucchero” sulle etichette, l’Antitrust fa cambiare diciture a 11 aziende

Dopo le condanne nei mesi scorsi di Rigoni, Galbusera, Giuliani, Zuegg e Vis da parte dell’Antitrust per avere utilizzato in modo scorretto sulle etichette di alcuni prodotti la frase “senza zucchero”, pur essendo presenti sostanze edulcoranti, oggi è arrivato un  nuovo comunicato del Garante sullo stesso argomento. La notizia riguarda 11 aziende che hanno accettato l’invito dell’Autorità, formulato  il 30 …

Continua »

Scrivere “Filetti di merluzzo” sull’etichetta non basta. Secondo l’Antitrust bisogna indicare anche la zona di pesca per capire meglio l’origine e la qualità

Scrivere sulla confezione dei tranci o dei filetti di pesce solo la parola “merluzzo” è troppo generico. È questo il parere dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato che, confermando la tesi di Eurofishmarket, ha pubblicato un parere invitando le aziende a scrivere la “zona di cattura” sul frontespizio della confezione utilizzando un carattere chiaro. La questione è emersa lo …

Continua »

Coca-Cola inganna ancora i consumatori con un opuscolo su Famiglia Cristiana e una pubblicità su Panorama

La Coca-Cola ci ricasca. Nonostante le ripetute sanzioni, i richiami, le multe accumulate in tutto il mondo per pubblicità ingannevole, continua la sua politica di marketing molto aggressiva sperando di passare inosservata. Non accade quasi mai. L’ultimo episodio risale allo scorso mese di luglio, quando l’Autorità garante della concorrenza e del mercato (Agcm) ha diffuso un parere (vedi allegato) in …

Continua »

Red bull perde le ali. Stop alla pubblicità che incoraggia comportamenti pericolosi e basta con il coinvolgimento dei bambini

redbull-pubblicita

Red Bull ha perso le ali e non potrà più trasmettere spot pubblicitari che vantano virtù improbabili e immagini che incoraggiano comportamenti pericolosi. La società ha accettato di cambiare i testi e i filmati di molte promozioni in seguito ad un accordo stipulato con l’Autorità garante della concorrenza e del mercato.   Il testo del provvedimento dice che i prossimi …

Continua »

Red Bull

redbull-sugarfree

Red Bull ha perso le ali e non potrà più trasmettere spot che incoraggino comportamenti pericolosi. La società ha accettato di cambiare i testi e i filmati di molte promozioni in seguito ad un accordo stipulato con l’Autorità garante della concorrenza e del mercato. La decisione risponde in parte anche agli allarmi lanciati dalla comunità scientifica italiana e internazionale sui …

Continua »

“Articolo 62”: l’Antitrust vorrebbe gestire i controlli previsti dalla legge in libertà, come se fosse un ente privato. Non è così

casse mele

Dopo un anno di attesa, è stato pubblicato il regolamento dell’Antitrust che stabilisce le procedure per i controlli sull’applicazione dell’articolo 62 (1). La macchina parte dunque, ma con il freno a mano tirato. Vediamo perchè, e cosa potrebbe accadere.   “L’Autorità garante per la concorrenza e il mercato è incaricata della vigilanza sull’applicazione delle presenti disposizioni e all’irrogazione delle sanzioni …

Continua »

Il Garante censura “la pasta della salute” Aliveris e il programma Rai di Alessandro di Pietro “Occhio alla spesa”: messaggi ingannevoli e pubblicità mascherata

aliveris-pasta

I claim pubblicitari che definiscono la pasta al germe di soia Aliveris come “pasta della salute”, indicata per la dieta dei diabetici e in grado di  svolgere “un’azione di controllo sul colesterolo”, sono ingannevoli. Lo ha stabilito l’Autorità garante della concorrenza e del mercato, emettendo sanzioni nei confronti di Aliveris srl (distributore e promotore), l’azienda produttrice IAFB, la società Amor …

Continua »

Fatture non pagate: cosa prevede l’articolo 62 e le segnalazioni all’autorità Antitrust. Serve una modifica

pagare euro

Avrei bisogno di una delucidazione sull’attività di segnalazione all’autorità competente, nel caso di inadempienza contrattuale (fattura non pagata). La nostra azienda, come altre con cui ci siamo confrontati, ha apprezzato molto la moral suasion “imposta” dalla nuova norma, sia relativamente alle condizioni commerciali vessatorie, sia in tema di certezza dei tempi di incasso. In linea teorica, perchè all’atto pratico, nel …

Continua »