Home / Allerta / Scandalo frutti di bosco surgelati: ritirati tre nuovi lotti contaminati da virus epatite A. Sotto accusa il ribes rosso. Il Ministero invita a non consumare prodotti crudi. Epidemia in calo

Scandalo frutti di bosco surgelati: ritirati tre nuovi lotti contaminati da virus epatite A. Sotto accusa il ribes rosso. Il Ministero invita a non consumare prodotti crudi. Epidemia in calo

ribes frutti di bosco 174346433
Il ribes rosso contaminato con il virus dell’epatite ha infettato le confezioni di frutti di bosco surgelati, provocando dal marzo di quest’anno un’epidemia che ha colpito oltre 400 italiani

È il ribes rosso contaminato con il virus dell’epatite A ad aver infettato le confezioni di frutti di bosco surgelati, che hanno provocato dal marzo di quest’anno un’epidemia che ha colpito oltre 400 italiani. È  l’ipotesi avanzata dal ministero della Salute che sta lavorando con le autorità sanitarie europee per supportare questa eventualità.

 

L’altra notizia che abbiamo raccolto grazie al Sistema Epidemiologico Integrato dell’Epatite Virale Acuta (SEIEVA) dell’Istituto Superiore di Sanità (ISS), è che dopo il picco massimo di persone colpite dal virus  registrato in maggio e giugno, negli ultimi due mesi c’è stato un netto calo e questo vuol dire che il focolaio si sta attenuando notevolmente.

 

Ciò non toglie che in questi giorni sia scattata un’altra allerta per tre lotti di frutti di bosco surgelati con il marchio “BoscoBuono” prodotti dalla ditta Green Ice, già coinvolta nei ritiri di due mesi fa. Si tratta dei lotti numero 13136, 13129 e 13004.

 

green ice frutti bosco
Un annuncio diffuso dalla Green Ice sull’ultimo ritiro riguardante i frutti di bosco surgelati con il marchio “BoscoBuono”

Per  individuare le cause dell’epidemia il ministero ha allertato le regioni del Nord dove è stato riscontrato un maggiore numero di casi, e ha portato avanti studi analitici di tipo caso-controllo. La ricerca ha evidenziando una forte correlazione tra il consumo di frutti di bosco surgelati utilizzati crudi oppure come ingredienti di dessert, dolci, macedonie, ecc, e la patologia. In seguito alle oltre mille analisi condotte in buona parte presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia-Romagna (IZSLERL) sono stati ritirati dal mercato 4 lotti di frutti di bosco ed è stata diramata più volte l’allerta a livello europeo. È importante ricordare come nei mesi scorsi anche l’Irlanda ha segnalato casi di epatite A causati dallo stesso virus isolato in Italia e presente in confezioni di frutti di bosco surgelati.

 

Il ministero della Salute non potendo escludere che confezioni di prodotto contaminato siano ancora in commercio o siano conservati nel freezer dei cittadini, raccomanda di utilizzare i frutti solo dopo averli fatti bollire per almeno 2 minuti. Il consiglio è da prendere in seria considerazione visto che secondo il ministero il problema potrebbe riguardare anche confezioni di frutti di bosco di marche e produttori diversi rispetto a quelli che sono stati ritirati e richiamati.

 

ribes frutti di bosco 174264626
Secondo il ministero il problema potrebbe riguardare anche confezioni di frutti di bosco di marche e produttori diversi rispetto a quelli ritirati

Di fronte a queste dichiarazioni abbastanza inquietanti, siamo contenti di aver invitato i nostri lettori prima dell’estate a non consumare frutti di bosco e di farlo eventualmente solo previa cottura. Dobbiamo invece rilevare il comportamento anomalo delle tre aziende coinvolte (Asiago food, Green Ice ed Erica), che non hanno mai diffuso sui loro siti informazioni o avvisi per allertare i consumatori sostenendo di non avere verificato la presenza del virus nei  controlli interni!

Altrettanto allarmante è l’atteggiamento di diverse catene di supermercati che nonostante gli obblighi di legge non hanno affisso cartelli adeguati per informare la clientela pur avendo venduto i lotti contaminati nei propri punti vendita.

Questo è un argomento molto delicato ma lo riprenderemo presto.

 

Roberto La Pira

 

NOTIFICA RASFF

MOTIVO

NOME PRODOTTO

DITTA

LOTTO

SCADENZA

RITIRO/

RICHIAMO DAL MERCATO 

2013.694 Presenza virus HVA Misto frutti di bosco “Bosco Reale” g 200 Asiago Food Spa 13036 TMC 02/2015 SI
2013.756 Presenza virus HVA Misto bosco surgelato “Bosco buono” g 450 Green Ice Spa 13015 TMC 31/12/2014 SI
2013.757 Presenza virus HVA Frutti di bosco congelati 1 kg Erica Spa 49/13 TMC Fine agosto 2014 SI
2013.880 Presenza virus HVA Misto bosco surgelato “Bosco buono” g 300 Green Ice Spa 13079 TMC 02/2015 SI
Presenza virus HVA Misto bosco surgelato “Bosco buono” Green Ice Spa 13136-13129-13004

© Riproduzione riservata

Foto: Photos.com

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Migrazione di melammina da stoviglie per bambini e frammenti di piombo in salame di cervo… Ritirati dal mercato europeo 114 prodotti

Nelle settimane n°32 e 33 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta …

3 Commenti

  1. Avatar

    Io ho guardato in congelatore e ho una confezione di frutti di bosco Asiago food Bosco reale con scadenza 08/2014, sono salvi o è meglio che per sicurezza li butti?
    Grazie

    • Roberto La Pira

      Il ministero dice che è necessario fare bollire i frutti di bosco surgelati per 2 minuti e poi si pososnoconsumare , in questo modo il virus viene neutralizzato

  2. Avatar

    Certo che davanti a marchi tipo asiago FOOD, o gren..il consumatore penserebbe ad una raccolta in montagna in ambiente incontaminato e non in serre contaminate da concimi di stalla, e poi davanti alla frequenza di positivi di una certa marca, quali precauzioni hanno preso le autorita’?…e i risultati dell’auto controllo dovuto per legge???