Home / Pianeta / Notizie dal mondo: nanomateriali, succo al mirtillo Coca-Cola, zucchero nelle bibite, ogm e ingredienti della birra

Notizie dal mondo: nanomateriali, succo al mirtillo Coca-Cola, zucchero nelle bibite, ogm e ingredienti della birra

Le notizie dal mondo di questa settimana arrivano da Germania, Francia, Stati Uniti, Gran Bretagna e Unione Europea

 

nanoparticelle 182271347Ricerca franco-tedesca sulla possibile tossicità dei nanomateriali negli alimenti

In Germania è stata avviata una ricerca franco-tedesca, che terminerà nell’agosto 2017, per studiare la tossicità e l’effetto dei nanomateriali presenti nei prodotti alimentari, sul corpo umano, in particolar sul fegato e l’intestino. Lo studio, chiamato “SolNanoTox”, è condotto dal tedesco Federal Institute for Risk Assessment (BfR) e dall’istituto francese per la sicurezza alimentare Anses, entrambi enti di ricerca governativi. La ricerca prevede test in vitro, analisi di campioni biologici per verificare l’eventuale accumulo di nanomateriali e utilizzo della spettrometria di massa, per scoprire se le nanoparticelle alterano la struttura di biomolecole, ad esempio quella dei lipidi della membrana cellulare. Continua a leggere l’articolo.

 

Minute Maid succo melogranoLa Corte Suprema Usa ha deciso: sì al processo contro Coca-Cola per il succo al mirtillo e melograno

I giudici della Corte Suprema statunitense hanno deciso all’unanimità che, se un’azienda utilizza un’etichetta autorizzata dalla Food and Drug Administration (FDA), può comunque essere denunciata, in applicazione del Lanham Act, da un concorrente, se questi ritiene che quell’etichetta travisi la reale natura del prodotto. La pronuncia della Corte Suprema riguarda la controversia che vede contrapposte Pom Wonderful, che produce un succo al 100% di melograno e mirtillo, e Minute Maid, un marchio di proprietà di Coca-Cola, che produce il succo di frutta “Enhanced Pomegranate Blueberry Flavored 100% Juice Blend of 5 Juices”. Continua a leggere l’articolo.

 

bibite bevande cola zucchero 163975916Semaforo rosso per lo zucchero nel 90% delle bibite gassate zuccherate

L’organizzazione britannica Action on Sugar ha analizzato 232 bibite frizzanti zuccherate acquistate in supermercati, scoprendo che il 79% di esse contiene l’equivalente di sei o più cucchiaini di zucchero per ogni lattina da 330 ml e che il 90% ha sull’etichetta nutrizionale, caratterizzata dal semaforo, il colore rosso per quanto riguarda lo zucchero. Action on Sugar evidenzia che le analisi hanno rilevato forti variazioni del contenuto di zucchero in bevande simili tra loro, a dimostrazione che i livelli di zucchero possono scendere in modo significativo nelle bevande analcoliche, senza forti alterazioni del gusto. Continua a leggere l’articolo.

 

Accordo tra i ministri Ue: i singoli Stati potranno limitare o vietare le coltivazioni Ogm

 “Su Ogm in Ue vince la linea italiana. Orgogliosi dell’accordo raggiunto. #libertà di scelta per gli Stati e l’Italia dice NO agli #Ogm”. Con questo tweet, il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, ha annunciato l’accordo politico raggiunto in sede di Consiglio dei ministri dell’Ambiente dell’Unione europea, dopo quattro anni di trattative. Il testo dell’accordo, su cui si sono astenuti Belgio e Lussemburgo e che dovrà tornare al Parlamento europeo per la seconda lettura, rimette in mano ai singoli Stati la decisione se limitare o vietare le coltivazioni di Ogm. Continua a leggere l’articolo

 

birra

Stati Uniti, Anheuser-Busch e MillerCoors cedono alla petizione promossa da una food blogger e svelano gli ingredienti delle proprie birre

Anheuser-Busch e MillerCoors, i due maggiori produttori americani di birra, hanno iniziato a mettere sui propri siti gli ingredienti sinora segreti delle proprie birre, partendo dai marchi più noti, come Budweiser e Bud Light. La decisione è stata presa dopo che la trentacinquenne food blogger statunitense Vani Hari aveva lanciato sul proprio sito, Food Babe, una petizione, che in 24 ore aveva raccolto più di 43 mila firme, grazie anche al rilievo dato dai mass media. Continua a leggere l’articolo.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: istockphoto.com

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Pita, Arabic bread

Il pane più antico potrebbe avere 14 mila anni. Archeologi trovano briciole in un focolaio datato 4 mila anni prima dell’agricoltura

Gli esseri umani hanno iniziato a mangiare il pane migliaia di anni prima che l’agricoltura …