Home / Recensioni & Eventi / “Miraggi alimentari”, Marcello Ticca smentisce 99 bufale e credenze sul cibo. Ma si dimentica alcuni temi scottanti

“Miraggi alimentari”, Marcello Ticca smentisce 99 bufale e credenze sul cibo. Ma si dimentica alcuni temi scottanti

miraggi alimentari marcello ticcaMangiare la pasta di sera fa ingrassare? Il pesce fa bene alla memoria? I superfood sono curativi? Per dimagrire bisogna bandire i grassi dal piatto? Certi miti alimentari sono duri a morire, soprattutto nell’era della post-verità e delle fake news. Per aiutarci a distinguere le informazioni corrette dalle bufale, è arrivato il libro “Miraggi alimentari – 99 idee sbagliate su cosa e come mangiamo” di Marcello Ticca, medico esperto di nutrizione, vicepresidente della Società italiana di scienze dell’alimentazione.

Il libro affronta moltissime credenze alimentari che, complice il passaparola, le riviste di gossip oppure internet, continuano a prosperare nella popolazione. Può trattarsi di antiche nozioni ormai superate dalle moderne evidenze scientifiche oppure di moderne teorie confezionate ad arte per promuovere un prodotto, ma in ogni caso sono in grado di condizionare il comportamento alimentare degli italiani.

salmone bambina cucina
Davvero mangiare pesce è un toccasana per la memoria per il suo contenuto di fosforo?

Nel testo, i 99 miti sono sviscerati per tematiche. Ad esempio, si esaminano le strambe teorie legate agli alimenti tipici di tutti pasti della giornata, dalla colazione alla cena, passando per la pausa caffè. Ma non solo, ci sono capitoli dedicati alla dieta per dimagrire, alle credenze salutiste e ai superfood. Ad esempio, non è vero che il pesce fa bene alla memoria perché ricco di fosforo, perché esistono alimenti molto più ricchi di questo micronutriente e poi perché non esiste alcuna prova che l’assunzione del fosforo e le capacità mnemoniche. Oppure, è vero che la cioccolata fa venire l’acne? Sembrerebbe proprio di no, visto che tutti gli studi scientifici effettuati non hanno trovato nessuno collegamento tra il cacao e i brufoli, contrariamente a quanto sostengono le dicerie. Insomma, per chi cerca un libro che smentisca una volta per tutte le credenze e le bufale sul cibo più diffuse, questo è sicuramente un buon testo.Eppure manca qualcosa.

Il libro, che l’autore ha pensato come un’occasione per “diffondere informazioni di carattere scientifico utilizzando l’argomento curioso delle bugie nel piatto”, non prende in esame vicende come quella dell’olio di palma, del grano duro importato dal Canada, del pomodoro cinese, dei “miraggi alimentari” proposti dai guru delle diete o dei finti test per le allergie alimentari. Si tratta di argomenti che Ticca conosce bene, essendo un attento osservatore. Questa è purtroppo una lacuna, tanto più che in Italia, da più di dieci anni, istituzioni come il Ministero della salute, il Crea e altri comitati scientifici, comprese diverse società scientifiche, hanno abdicato al ruolo di informare i consumatori. Il risultato è che si lascia spazio alle lobby, a improvvisati esperti di alimentazione che online e in programmi tv spazzatura propongono ricette, formule e prodotti miracolosi. Il risvolto è evidente anche in libreria dove purtroppo i volumi di questi “autori” vendono 100 volte più di testi ben più validi.

Miraggi alimentari – 99 idee sbagliate su cosa e come mangiamo” di Marcello Ticca. ISBN: 9788858130612. Pagine 256. Editori Laterza

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Stop agli animali in gabbia! Al via la petizione di iniziativa dei cittadini europei promossa da più di 100 associazioni

Stop agli allevamenti in gabbia! Questa la richiesta dell’Iniziativa dei cittadini europei lanciata oggi da …

Un commento

  1. Tutto condivisibile. L’occasione con queste lacune per scrivere un libro con i capitoli mancanti non manca.