Home / Richiami e ritiri / Lidl richiama un lotto di coni gelato vegani My Best Veggie per la presenza di proteine del latte. Rischio per i consumatori allergici

Lidl richiama un lotto di coni gelato vegani My Best Veggie per la presenza di proteine del latte. Rischio per i consumatori allergici

Lidl ha richiamato un lotto di coni gelato alla soia al gusto vaniglia a marchio My Best Veggie per la presenza di tracce di proteine del latte, riscontrate in seguito ad analisi effettuate in autocontrollo. I coni gelato vegani sono prodotti per Lidl Italia dall’azienda Casa del Gelato Srl.

Il prodotto interessato dal richiamo è venduto in confezioni da 4×75 grammi (EAN 20968656) e fa parte del lotto 18GV, da consumarsi preferibilmente entro il 18/07/2019.

Si raccomanda ai soggetti allergici alle proteine del latte di non consumare il prodotto e a riportarlo presso il punto vendita Lidl d’acquisto, anche senza scontrino, per il rimborso. Non ci sono problemi, invece, per i consumatori che non sono allergici alle proteine del latte, così come per gli intolleranti al lattosio, risultato inferiore a 0,01 g/100 g di prodotto.

Per ulteriori informazioni, è possibile contattare Lidl Italia al numero verde 800480048.

Dal 1° gennaio 2018 Il Fatto Alimentare ha segnalato 8 richiami, per un totale di 11 prodotti. Per vedere quelli del 2017 clicca qui.

 

Per capire come funziona il servizio di allerta alimentare e come viene effettuato il ritiro dei prodotti dai punti vendita leggi il libro “Scaffali in allerta” edito da Il Fatto Alimentare. È l’unico testo  pubblicato in Italia che  rivela i segreti e le criticità di un sistema che funziona poco e male. Ogni anno in Italia vengono ritirati dagli scaffali  almeno 1.000 prodotti alimentari. Nel 10-20% dei casi si tratta di cibo che può nuocere alla salute dei consumatori, e per questo scatta l’allerta. Il libro di 169 pagine racconta 15 casi di richiami che hanno fatto scalpore.

I lettori  interessati a ricevere l’e-book, possono fare una donazione libera e ricevere in omaggio il libro  in formato pdf  “Scaffali in allerta”, scrivendo all’indirizzo ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare. Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

formaggio dolomiti erbe caseificio primiero

Possibili corpi estranei: richiamato formaggio Dolomiti aromatizzato alle erbe del Caseificio Sociale Comprensoriale di Primiero

Il Ministero della salute ha diffuso il richiamo di un lotto di formaggio Dolomiti aromatizzato …