Home / Pubblicità & Bufale / La legge lo vieta, ma le immagini sulle confezioni sono spesso pesantemente "ritoccate". Mandateci le vostre foto

La legge lo vieta, ma le immagini sulle confezioni sono spesso pesantemente "ritoccate". Mandateci le vostre foto

 

“L’immagine ha il solo scopo di presentare il prodotto”. Siamo così abituati a leggere questa frase sulle confezioni di surgelati, scatolette o altri alimenti che quasi non ci facciamo più caso. Ma basta riflettere un attimo per rendersi conto che spesso la differenza tra l’immagine proposta dall’azienda e il contenuto è davvero incolmabile. Non si tratta solo di mostrare il cibo sotto la sua luce migliore – come farebbe un pasticcere nella sua vetrina o un fruttivendolo sul banco – ma di una vera e propria arte per rivisitare il prodotto.

 

Gli alimenti da fotografare sono infatti trasformati, ricorrendo anche a stratagemmi pur di farli apparire più freschi e appetibili. Tutto questo avviene anche se nel decreto legislativo 109/92 che recepisce una direttiva europea, si dice che etichette e confezioni non devono trarre in inganno il consumatore. Si tratta di una norma spesso ignorata – anche perché le sanzioni sono minime – o comunque aggirata con frasi ad effetto.

 

 

Quali sono i trucchi dei fotografi specializzati? Polli o gamberi crudi laccati con olio o caramello per farli apparire più vivaci e succulenti, panini fotografati prima di scaldarli per far sembrare più appetitose insalata e formaggi, verdure fresche aggiunti appena prima di scattare la foto, immagini in cui risaltano ingredienti pregiati come carne o pesce che nella realtà scarseggiano. Questi e altri trucchi sono mostrati in un video svizzero, che racconta i segreti delle foto alimentari, ma anche quelle usate dalle riviste di cucina, che poi ci fanno disperare perché il piatto «non è venuto come nella foto!». Queste immagini, ricordano gli esperti, sono marketing, pubblicità, e non informazione: per sapere cosa c’è davvero dentro un alimento confezionato quello che fa fede è l’elenco degli ingredienti.

 

Gli svizzeri non sono gli unici a occuparsi dell’argomento. In Germania è diventato un libro il progetto Werbung gegen realitaet (pubblicità contro realtà) che mette a nudo salse minestre snack e piatti pronti, alcuni venduti anche in Italia, confrontando le immagini ufficiali con quello che realmente esce da scatole e barattoli. In Francia, un sito analogo attivo da anni si chiama “Non contractuelles“.

 

Negli Stati Uniti c’è  un sito che mette a confronto le pubblicità dei fast food più popolari con immagini reali di panini e nachos, mentre Food in real life presenta una serie di specialità pronte di gusto americano, commentate con ironia – «se mia madre cucinasse così mangerei sempre fuori» – osserva lo scrittore valutando una pietanza che si presenta “cucinata come farebbe la mamma”. A completare il sito, una lista d’onore con le specialità che propongono le immagini più realistiche, e la lista nera delle interpretazioni più fantasiose: «forse si sono dimenticati di metterci il tacchino» scrive l’autore recensendo una preparazione surgelata di “medaglioni di tacchino arrosto”.

 

In Canada è stata la stessa direttrice di un ristorante McDonald’s a rendere pubblico attraverso un video caricato su Youtube, come vengono create le immagini promozionali dei loro panini.

 

Anche Ilfattoalimentare si è occupato dell’argomento e Gianna Ferretti qualche tempo fa aveva lanciato un invito ai lettori del suo blog, Trashfood, perché arricchissero la galleria di immagini.

Un invito che rilanciamo volentieri ai lettori de Ilfattoalimentare: vi mostreremo le nostre immagini ma abbiamo bisogno del vostro contributo. Le foto migliori che arrivano in redazione saranno pubblicate, inviatele a questo indirizzo: ilfattoalimentare@ilfattoalimentare.it

 

Paola Emilia Cicerone

Foto: Thewvsr.com, Photos-non-contractuelles.fr, Pundo3000.com

 

Avatar

Guarda qui

croccole artigianali capitan findus

Findus: le Croccole non sono artigianali. Censurati gli spot in tv e le confezioni. La pronuncia del Giurì

Il Giurì dell’Istituto di autodisciplina pubblicitaria, con la pronuncia 56/2019 del 25 ottobre, ha censurato …