Home / Tecnologia e Test / Gusci d’uovo per fare bioplastica: un materiale più flessibile e resistente. La mistura alla quale si aggiunge l’uovo prevede comunque l’utilizzo di un polimero del petrolio

Gusci d’uovo per fare bioplastica: un materiale più flessibile e resistente. La mistura alla quale si aggiunge l’uovo prevede comunque l’utilizzo di un polimero del petrolio

gusci d'uovo
Con i gusci delle uova si possono creare bioplastiche più flessibili e resistenti

Bioplastiche più resistenti e flessibili grazie ai gusci d’uovo: questa la scoperta di un team di ricercatori della Tuskegee University (Alabama) presentata al recente meeting annuale dell’American Chemical Society. Per migliorare la composizione, il team ha creato nanoparticelle composte da gusci d’uovo. Piccoli frammenti di guscio vengono lavati, macinati assieme al glicole di polipropilene e quindi esposti a un processo di lavorazione. Grazie a questa operazione  i frammenti si trasformano in minuscole particelle che, aggiunte ai polimeri  utilizzati per l’imballaggio, conferiscono caratteristiche interessanti, perché il nuovo materiale è in grado di piegarsi senza rompersi.

 

bioplastiche
La ricerca sui materiali lavora sempre di più per ottenere imballaggi ecosostenibili

«Crediamo che queste caratteristiche, insieme alla biodegradabilità nel terreno, possano rendere le bioplastiche con gusci d’uovo un materiale di imballaggio davvero alternativo», spiega Vijaya K. Rangari, della Tuskegee University.
Il segreto risiede in alcune sostanze presenti nei gusci  (carbonato di calcio, carbonato di magnesio, fosfato di calcio) che rendono la plastica fino a 7 volte più flessibile rispetto alle tradizionali bioplastiche. Il gruppo di scienziati ha sperimentato diversi polimeri, trovando alla fine la formula vincente con una mistura al 70% di un polimero del petrolio, il PBAT, e al 30% di acido polilattico (PLA), un polimero derivato dall’amido di mais. Pur essendo basato sul petrolio, il PBAT ha infatti la caratteristica di iniziare a biodegradarsi già tre mesi dopo essere stato inserito nel suolo.

uova gusci imballaggi
I ricercatori hanno trovato la miscela perfetta alla quale aggiungere i gusci delle uova trattati

La ricerca sulle plastiche biodegradabili è in continua evoluzione come dimostrano le recenti scoperte effettuate da ricercatori della National University of Singapore (NUS) relative a nuovi film biodegradabili a base di chitosano (derivato da gusci di crostacei) e estratto di semi di pompelmo: nuovi materiali in grado di raddoppiare la shelf-life degli alimenti deperibili e contribuire a ridurre l’inquinamento dovuto a rifiuti di plastica. Ecco il video di presentazione.

  Luca Foltran

Luca Foltran
esperto sicurezza dei materiali

Guarda qui

deliveroo consegna cibo a domicilio riders

Consegna di cibo a domicilio, firmata a Bologna la prima carta dei diritti dei lavoratori. Sgnam e Mymenu le prime due app a sottoscriverla

Il Comune di Bologna ha presentato la “Carta dei diritti fondamentali del lavoro digitale nel …

2 Commenti

  1. Il metodo di “caricare” materie plastiche con materiali vari, allo scopo di migliorarne le caratteristiche meccaniche di durezza, resilienza alla fatica ed al calore, tutte carenti nelle basi plastiche di supporto, è un metodo antico come le materie plastiche stesse.
    Quindi la buona notizia stà nel realizzare questi compounds con una base plastica veramente biodegradabile, perché solitamente il materiale di carica è un ossido, vetro, ceramica, carbone, grafite, ecc..
    Tutte sostanze innoque per l’ambiente, come il carbonato di calcio dei gusci d’uovo, ma sicuramente più adatto al contatto alimentare.

  2. Sinceramente la cosa mi lascia perplessa….. in quanto mamma di una ragazza allergica il pensiero che nei contenitori di plastica ci possano essere tracce di uovo mi preoccupa parecchio…… ci manca solo questo!!! oltre alle 1000 cose alle quali dobbiamo stare attenti dovremo aggiungere pure questa?
    Mi auguro che si siano posti questo problema e che abbiano reso i gusci sicuri al 100% e completamente privi di tracce di uovo.