Home / Richiami e ritiri / Gorgonzola dolce venduto nei supermercati svizzeri Migros, ritirato dal mercato per contaminazione da Listeria

Gorgonzola dolce venduto nei supermercati svizzeri Migros, ritirato dal mercato per contaminazione da Listeria

Gorgonzola dolce Migros
Il gorgonzola dolce Migros è stato ritirato dal mercato per contaminazione da Listeria

La Migros, la più grande catena di supermercati presente in Svizzera, ha ritirato dagli scaffali il suo gorgonzola dolce. Attraverso un comunicato sul sito ripreso anche dalla stampa ticinese, la catena segnala la presenza di microorganismi del tipo listeria, nel Gorgonzola dolce Migros nella confezione da 200 grammi, articolo n. 2125.843, prezzo d’acquisto 2.90 franchi.

 

L’azienda descrive anche i possibili sintomi della listeria, che in alcuni casi possono essere confusi con quelli di una influenza: nausea, febbre, emicrania.  Si consiglia quindi ai soggetti più a rischio, come donne incinte e pazienti con altre patologie o immunodepressi, di rivolgersi al proprio medico comunicando il consumo del prodotto e i problemi riscontrati. Sul sito EpiCentro è possibile trovare una scheda che spiega la pericolosità del batterio e le sue caratteristiche di resistenza a basse temperatura e ad ambienti ricchi di sale.

 

La catena, fondata a Zurigo, ha adottato una comunicazione trasparente: sul loro sito è possibile trovare una sezione dedicata ai prodotti ritirati e alla provenienza di alcuni degli alimenti venduti. La Migros incentiva la restituzione del gorgonzola dolce presso le sue filiali, con un rimborso del prezzo di acquisto.

 

Eleonora Viganò

© Riproduzione riservata

  Eleonora Viganò

redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Yellow curcuma root with wooden spoon and pills on orange background

Integratori alla curcuma richiamati: segnalati due casi di epatite acuta. Interessati due prodotti venduti via internet

Aggiornamento del 16 maggio 2019: dopo che l’Istituto superiore di sanità ha segnalato altri due …

2 Commenti

  1. Sarebbe interessante che voi, su base semestrale, stimaste le tonnellate di alimenti divenuti rifiuti accorpando i dati che vi giungono.

  2. Essendo un prodotto ” a marchio”, sarebbe interessante anche poter conoscere presso quale sito produttivo è stato fabbricato. Indispensabile verificare eventuali altri lotti “dello stesso sito produttore” distribuiti magari con altro marchio.