Home / Allerta / Frammenti di plastica in pane di mais senza glutine e fipronil in sette lotti di ovoprodotti dall’Italia… Ritirati dal mercato europeo 69 prodotti

Frammenti di plastica in pane di mais senza glutine e fipronil in sette lotti di ovoprodotti dall’Italia… Ritirati dal mercato europeo 69 prodotti

Frammenti di plasticaNella settimana n°34 del 2017 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 69 (12 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende tre casi: frammenti di plastica in pane di mais senza glutine Schnitzer gluten free, dalla Germania (leggere approfondimento); mercurio in pesce spada congelato dal Portogallo; mercurio in squalo mako (isurus oxyrinchus) dal Portogallo.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: alto numero di batteri in gamberi in salamoia refrigerati dalla Danimarca; fipronil in preparato di uova liquide dall’Italia; fipronil in fettuccine dall’Italia; fipronil in cinque lotti di uova dall’Italia; infestazione parassitaria da Anisakis di merluzzo (Merluccius) refrigerato proveniente dalla Spagna.

Fipronil in cinque lotti di uova dall’Italia

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala sostanza non autorizzata (chlorfenapyr) in preparazione agra a base di senape dalla Thailandia; piombo in ginseng dalla Cina.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono stati segnalati ritiri dal mercato, la Germania segnala un’allerta per la presenza di mandorle non dichiarate (8%) in due lotti di pasta alla nocciola per la produzione di gelati.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2017.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Epatite A: nuovo focolaio in sei paesi europei. 42 casi confermati e altri 50 possibili. Italia non coinvolta

42 casi confermati e altri 50 possibili di epatite A in sei Paesi europei: Danimarca, …