Home / Etichette & Prodotti / Coca-Cola e PepsiCo costrette da una petizione online a eliminare l’olio vegetale bromurato da tutte le loro bibite

Coca-Cola e PepsiCo costrette da una petizione online a eliminare l’olio vegetale bromurato da tutte le loro bibite

coca-cola
Grazie alla petizione di una diciassettenne, Coca-Cola e PepsiCo elimineranno un additivo dalle loro bibite

Coca-Cola ha annunciato che nei prossimi mesi eliminerà dalle sue bibite, in tutto il mondo, l’olio vegetale bromurato. L’additivo è utilizzato come stabilizzatore nelle bibite aromatizzate ed è già vietato in Europa e in Giappone. La decisione nasce dalla pressione organizzata da una diciassettenne del Mississippi, Sarah Kavanagh. Alla fine del 2012 la ragazza aveva lanciato una petizione su Change.org, con cui chiedeva a PepsiCo di eliminare questa sostanza dal suo sport drink Gatorade, sottolineando i divieti in vigore da tempo in Europa e Giappone.

L’olio vegetale bromurato è registrato come un ritardante di fiamma e la somministrazione di questa sostanza ad alte dosi nei topi ha evidenziato la comparsa di problemi comportamentali. La petizione aveva raccolto oltre duecentomila adesioni e nel gennaio 2013 PepsiCo aveva annunciato l’eliminazione dell’olio vegetale bromurato dal Gatorade.

 

r-BVO-POWERADE-large570
La bevanda Powerade di Coca-Cola: grazie alla petizione è stato eliminato l’additivo, un ritardante di fiamma

A questo punto, la ragazza aveva promosso un’altra petizione, chiedendo anche a Coca-Cola di eliminare la sostanza dal suo sport drink Powerade e raccogliendo quasi sessantamila adesioni. Come riferisce l’Associated Press, Coca-Cola ha risposto andando oltre quanto fatto dalla concorrente PepsiCo, decidendo di eliminare la sostanza sotto accusa da tutte le sue bibite, in tutto il mondo. A questo punto, anche PepsiCo si è vista costretta ad annunciare in poche ore che farà altrettanto.

 

Beniamino Bonardi

© Riproduzione riservata

Foto: Thinkstockphotos.it

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Different pasta types on the wooden table.

Dalla trafilatura al bronzo alla lievitazione lenta, in etichetta crescono le indicazioni del metodo di produzione. I numeri dell’Osservatorio Immagino

“A lunga lievitazione”, “lavorato a mano”, “trafilato al bronzo”. Le tecniche di produzione fanno capolino …

5 Commenti

  1. A conferma che la mia convinzione è giusta: il consumatore informato (e quindi determinato) FA la differenza.
    Vedi: http://paoblog.net/2010/07/19/additivi-alimentari-consumatore-differenza/

  2. Restando in argomento e facendo riferimento ad un articolo di Valeria Nardi dell’ottobre 2011, mi chiedevo se ancor oggi la Coca-Cola Zero venduta in Italia sia diversa rispetto a quella degli USA, ovvero se contiene ancora il ciclammato (vietato negli USa).

  3. Valeria Nardi

    Gentile Paoblog, abbiamo controllato ieri e il ciclammato è ancora presente nella Coca-Cola Zero. http://www.ilfattoalimentare.it/coca-cola-zero-ciclammato-edulcorante-vietato-usa.html

  4. E’ proprio necessario bere Coca Cola? Di cosa è fatta questa “mitica” bevanda? Non c’è nulla di naturale, a me sembra un composto chimico, tra l’altro, neanche troppo gradevole.

  5. ho condiviso ora l’articolo su FB, dedicandolo a chi crede che le petizioni non servano…
    è come dire che la buona volontà non serve… :-))!!