Home / Nutrizione / Zucchero nelle merendine: istruzioni per l’uso. Ecco la tabella che le mette a confronto. Segnalateci altri prodotti!

Zucchero nelle merendine: istruzioni per l’uso. Ecco la tabella che le mette a confronto. Segnalateci altri prodotti!

zucchero nelle merendine iStock_000000494082_Small
Gli zuccheri semplici, dovrebbero rappresentare il 10-15% del fabbisogno calorico giornaliero

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e la comunità scientifica invitano a ridurre il consumo di zuccheri semplici come abbiamo spiegato in vari articoli. Se è vero che sulla base di questi consigli molti consumatori decidono di ridurre i cucchiaini aggiunti al caffè o al tè, è altrettanto vero che quando si è al supermercato, la scelta per i prodotti confezionati meno dolci diventa complicata. Marmellate, caramelle, gelati e cioccolato sono ricchi di zucchero, ma osservando con attenzione le etichette è frequente scoprire come all’interno della stessa categoria esistano grandi differenze tra un prodotto e l’altro, con quantità che possono anche raddoppiare.

 

Se si vuole consumare meno zucchero occorre leggere le etichette e confrontarle tenendo presente le diverse grammature delle porzioni e le proprie abitudini alimentari. Spetta infatti alle singole aziende definire, per i propri prodotti, a quanto corrisponde una porzione e a volte poco queste scelte risultano poco realistiche. C’è chi propone 30 grammi di cereali per la colazione e chi 25, chi una merendina da 25 grammi e chi da 40.

Molte etichette fanno riferimento alla dose giornaliera di zuccheri, ma utilizzano parametri troppo “generosi”. Per esempio, sul sito della Ferrero, i 16,3 grammi di una Fiesta sono indicati come equivalenti al 18% del consumo giornaliero consigliato di zuccheri semplici, per un fabbisogno corrispondente a 90 grammi di zucchero al giorno*. Ci sembra un valore elevato se si considerano le indicazioni suggerite dalle autorità sanitarie.

 

Croissant
Zucchero nelle merendine: la lista è un invito ad “amministrare“ bene le calorie

Per aiutare i nostri lettori abbiamo realizzato un elenco delle merendine in ordine decrescente rispetto al quantitativo di zucchero presente in una porzione (quasi sempre corrispondente all’unità). Si tratta di una lista da integrare con le vostre segnalazioni come abbiamo fatto con i prodotti da forno senza olio di palma (leggi articolo).

Nella tabella abbiamo preso in esame le merendine più dolci e quelle meno zuccherate, senza includere nell’elenco i prodotti che usano dolcificanti artificiali. La lista non è fatta per demonizzare i prodotti posizionati in cima all’elenco che, soprattutto se piacciono, possono trovare spazio in una dieta, purché equilibrata. Il nostro elenco è un invito ad “amministrare“ saggiamente le calorie necessarie ogni giorno, scegliendo, per quanto possibile, alimenti sani e ricchi di nutrienti. E ricordando che lo “strappo alla regola” è ammesso purché sia, appunto, un’eccezione, e non un’abitudine.

 

* “Gli zuccheri semplici come fonte di energia per l’organismo, dovrebbero rappresentare il 10-15% del fabbisogno calorico giornaliero. Secondo le linee guida dell’ex-Inran per  un adulto che assume una media di 2.100 calorie la quantità di zucchero dovrebbe oscillare da 56 a 84 grammi”.

Paola Emilia Cicerone

 

 Merendine

Prodotto

Zuccheri

per 100g

Zuccheri

per porzione

Fiesta Ferrero

fiesta ferrero

40,7 g (40 g) 16,3 g

Tegolino Mulino Bianco Barilla

tegolino mulino bianco

40 g (35 g) 14 g

Crostatine all’albicocca Mulino Bianco Barilla

crostatina albicocca mulino bianco

33 g (40 g) 13,2 g

Buondì Motta

Unknown

26 g (33 g) 8,7 g

Kellogg’s special K Biscuit moments ai mirtilli

Kelloggs special K Biscuit moments ai mirtilli

31 g (25 g) 7,8 g

Gran Cereale Mulino Bianco maxi barrette mandorle mirtilli rossi

gran cereali barratta cereali

18 g (35 g) 6,3 g

 

© Riproduzione riservata

Foto: iStockphoto.com

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Paola Emilia Cicerone

Paola Emilia Cicerone
giornalista scientifica

Guarda qui

Funny overweight sportsman lying down exhausted on the gym's floor

La ministra Giulia Grillo propone contro l’obesità buoni per attività fisica. Una ricetta inefficace che però piace alle multinazionali

L’ultima proposta della ministra della Salute Giulia Grillo, per contrastare l’epidemia di obesità e sovrappeso …

3 Commenti

  1. Livia Cragnolini

    Buongiorno.
    In merito al consumo giornaliero di riferimento di zuccheri pari a 90g, sembreranno anche tanti, tuttavia tale valore si riferisce ad una persona adulta ed è il valore riportato nell’allegato XIII parte B del Reg.UE 1169/2011 per uniformare le varie informazioni nutrizionali dei prodotti europei.
    Grazie. Saluti

  2. Paola emilia cicerone

    Comunque allo stato dei fatti si tratta di un’indicazione di segno nettamente diverso rispetto a quelle date dall’OMS e da buona parte della comunità scientifica. Dovrà essere aggiornata, ma al momento risulta fuorviante.

  3. Vi leggo sempre molto volentieri. Voi del Fatto Alimentare avete “il polso della situazione”. Avete capito più Voi dell’obesità di molti professori universitari che studiano la genetica dell’obesità, la nutrigenomica o la metabolomica.
    *
    Per quanto riguarda gli zuccheri semplici bisogna essere più chiari e spiegare che un conto sono gli zuccheri semplici complessivi che sono presenti in una dieta naturale (“intrinsic sugars” nella frutta o latte o verdure) e altra cosa sono gli zuccheri semplici aggiunti (“extrinsic sugars” = zucchero bianco, sciroppo di fruttosio, glucosio in merendine o softdrinks…).

    Quindi se io seguo le indicazioni dell’ex-INRAN o della FAO-WHO che mi indicano la quantità di zuccheri semplici che dovrei introdurre nella mia alimentazione… a titolo di es. 100 gr al giorno, NON VUOL DIRE CHE POSSO INTRODURRE 100 GR AL GIORNO DI ZUCCHERO BIANCO AGGIUNTO NEL CIBO.
    *
    Io che sono un addetto ai lavori (dietologo) mangio oltre 800 – 1000 gr di frutta/verdura al giorno. Quindi la mia quota di zuccheri semplici me la sono già “pappata”.
    *
    Quindi la quantità di zucchero bianco aggiunto nel cibo che posso ulteriormente introdurre al giorno è pari a Z E R O grammi!
    *
    Meno zuccheri aggiunti (extrinsic) usiamo al dì e meglio è per la nostra salute e per il nostro peso.
    *
    Ho cinque figli di ogni età e a casa in 20 anni non abbiamo MAI AVUTO MERENDINE. Vi assicuro che i miei bimbi sono “normali” nel senso che non hanno subito alcun trauma psicologico. 🙂