Home / Nutrizione / Troppo zucchero altera il microbiota: così induce lo sviluppo di obesità e malattie metaboliche

Troppo zucchero altera il microbiota: così induce lo sviluppo di obesità e malattie metaboliche

coca cola bevande gassate bibite zuccherateLa cosiddetta dieta occidentale, ricca di alimenti industriali, a loro volta pieni di grassi, sale, zuccheri e additivi, predispone alle patologie metaboliche, all’obesità e ai tumori. Ma qual è la categoria di nutrienti che maggiormente aumenta il rischio di malattia, la più grave delle quali è il diabete di tipo 2? Per rispondere a questa importante domanda, i ricercatori dell’Irving Medical Center della Columbia University di New York hanno condotto una serie di test su modelli animali murini (topi), e sono così giunti a una visione più chiara, con alcune risposte importanti. 

Come riferiscono su Cell, inizialmente hanno nutrito gli animali con una classica ‘Western Diet’, e hanno confermato che, nel giro di breve tempo (nello specifico un solo mese), tutti gli animali tendevano a diventare obesi, sviluppando contemporaneamente i primi segni di una dis-regolazione metabolica, tra i quali un aumento dei marcatori dell’infiammazione, l’intolleranza al glucosio e la resistenza all’insulina. 

Girl works at a computer and eats fast food. Unhealthy food: chips, crackers, candy, waffles, cola. Junk food, concept.
I ricercatori hanno studiato gli effetti della dieta occidentale sul microbiota

Analizzando la composizione del microbiota, gli autori hanno poi riscontrato i cambiamenti verificatisi, e cioè un calo drastico dei batteri filamentosi segmentati, e un aumento di altre specie. E a tale alterazione è corrisposta anche un’altra modifica: una diminuzione significativa di una particolare classe di linfociti T, chiamati helper 17 (Th17), che aiutano a prevenire proprio quel tipo di malattie, secernendo alcune sostanze che rallentano l’assorbimento dei grassi ‘cattivi’ e tenegono basso il livello generale dell’infiammazione intestinale. Di conseguenza, i batteri filamentosi hanno un ruolo di assoluta rilevanza nel mantenimento delle popolazioni di Th17, e ogni dieta che interferisca con questi batteri ha anche un effetto sui linfociti. E tutto ciò implica che, almeno teoricamente, è possibile riportare la situazione verso la normalità somministrando sia specifici probiotici sia direttamente i linfociti Th17. 

Tutto ciò spiega il nesso tra microbiota e perdita di equilibrio metabolico, ma non dice ancora nulla sul ruolo dei singoli nutrienti. Per chiarire anche questo aspetto, i ricercatori hanno somministrato ai topi una dieta senza zuccheri ma ricca di grassi, e visto così che non si verificava nulla di quanto si era visto con la dieta occidentale completa. Sono dunque gli zuccheri a compromettere la composizione del microbiota e, quindi, la presenza dei Th17. Non per tutti, però: gli animali che avevano popolazioni insufficienti di batteri filamentosi anche prima delle modifiche alla dieta erano comunque molto più predisposti alle malattie metaboliche, a conferma dell’importanza proprio delle specie batteriche, e del fatto che, una volta compromesse, è poi difficile ripristinare la situazione ottimale. E questo probabilmente vale anche per molte diete dimagranti: eliminare gli zuccheri può non servire, se il microbiota è già stato modificato.

Man at the office eating donuts
Sono gli zuccheri e non i grassi ad modificare il microbiota in modo tale da causare l’alterazione del metabolismo

La composizione del microbiota umano non è identica a quella del microbiota dei topi, ma secondo gli autori è molto probabile che specie simili abbiano compiti analoghi, e che i meccanismi attraverso i quali gli zuccheri arrecano danni al metabolismo siano sostanzialmente sovrapponibili, anche perché i Th17 sono fondamentali anche nell’uomo. Ulteriori studi e approfondimenti diranno se sia davvero così e, nel caso, come sia possibile intervenire. In attesa delle conferme, ciò che emerge comunque è la complessità dei rapporti tra dieta, microbiota, sistema immunitario e malattie metaboliche.

© Riproduzione riservata Foto: Fotolia, AdobeStock

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Una mano regge una manciata di capsule e compresse di integratori alimentari

Integratori alimentari, sono davvero utili per le funzioni cognitive e le patologie oculari?

Gli integratori alimentari negli ultimi anni hanno registrato un incredibile incremento delle vendite in farmacia e anche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *