Home / Nutrizione / Zucchero: succhi di frutta, frullati e bibite a base di frutta ne contengono troppo. I risultati di una ricerca inglese

Zucchero: succhi di frutta, frullati e bibite a base di frutta ne contengono troppo. I risultati di una ricerca inglese

succo di frutta frullato zucchero
Il frullato confezionato è il prodotto con maggior quantità di zucchero aggiunto

Il livello di zucchero nelle bevande alla frutta è “inaccettabilmente alto”: è la conclusione di uno studio pubblicato dalla rivista BMJ Open e condotto da ricercatori delle Università di Liverpool e di Londra. Gli scienziati hanno analizzato 203 bibite alla frutta, succhi di frutta 100% e frullati, venduti nei sette principali supermercati del Regno Unito e commercializzati in modo specifico per i bambini in contenitori da 200 ml. I ricercatori hanno quindi misurato la quantità di zuccheri aggiunti includendo nel calcolo glucosio, fruttosio, saccarosio e lo zucchero da tavola escludendo le sostanze dolci  contenute naturalmente nella frutta metabolizzate in modo diverso dall’organismo.

I risultati della ricerca evidenziano molte differenze tra i diversi tipi di bevande della stessa merceologia. Ben 85 dei 203 prodotti analizzati contengono una quantità di zuccheri pari alla quantità massima giornaliera consigliata per i bambini (19 grammi circa ovvero quasi quattro cucchiaini da tè). Complessivamente il contenuto di zuccheri aggiunti varia da zero a 16 grammi per 100 ml di bevanda, mentre il valore medio è 7 grammi. La più alta quantità di zuccheri è stata riscontrata nei frullati, con una media di 13 grammi.

succhi di frutta
Il succo di frutta additivato con zucchero non è una buona alternativa alle bibite zuccherate

Applicando l’etichetta nutrizionale con i colori del semaforo, raccomandata dalla Food Standards Agency, 117 dei 203 prodotti analizzati dovrebbero indicare il rosso e 63 verde. Uno dei ricercatori, il professore Simon Capewell, osserva come la crescente consapevolezza dell’effetto delle bevande zuccherate su denti e sul peso dei bambini, ha spinto molti genitori a optare verso alternative apparentemente più sane, come i succhi di frutta e i frullati.«Purtroppo, la nostra ricerca dimostra che queste persone vengono  ingannate», afferma il docente dell’University of Liverpool, perché il contenuto di zuccheri aggiunti è “inaccettabilmente alto” e “i frullati sono tra i peggiori”.

 

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

eco menu Greenpeace

Alimentazione sostenibile, il decalogo di Greenpeace, tra frutta e verdura di stagione e cibo ultra-trasformato

Mangiare alimenti gustosi, sani, ma anche sostenibili: un approccio alla dieta non sempre scontato, ma …

Un commento

  1. Avatar
    Marco Dalla Rosa

    il testo dell’articolo e la didascalia della fotografia sono in contrasto e fuorvianti. Per succhi di frutta si intende solo il succo 100% senza zuccheri aggiunti e viene indicato come scelta errata nella didascalia, mentre nell’articolo si punta l’attenzione sugli zuccheri aggiunti e non naturalmente presenti. A volte la necessitò della sintesi porta a dare messaggi sbagliati, come questo. Che poi la quantità di zuccheri della frutta possa essere eccessiva porta a discutere sulle qualità consumate, aspetto questo non considerato nell’articolo.