Home / Nutrizione / Gli zuccheri aggiunti segnalati in etichetta aiutano a mangiare meglio: meno malattie e molti soldi pubblici risparmiati

Gli zuccheri aggiunti segnalati in etichetta aiutano a mangiare meglio: meno malattie e molti soldi pubblici risparmiati

zuccheri aggiuntiNegli Stati Uniti, l’obbligo di indicare gli zuccheri aggiunti in etichetta, introdotto nel 2016 e la cui piena applicazione è prevista tra il 2020 e il 2012, dovrebbe avere effetti molto significativi. Secondo una stima condotta dagli esperti della Friedman School of Nutrition della Tufts University e pubblicata su Circulation, infatti, nei prossimi venti anni dovrebbe tradursi in poco meno di un milione di casi di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2 evitati, con un risparmio di 31 miliardi di dollari per le spese sanitarie, e di circa 62 miliardi per i costi sociali.

I ricercatori hanno utilizzato i dati contenuti nell’archivio del National Health and Nutrition Examination Survey, che ogni anno registra il comportamento alimentare di oltre 5.000 cittadini di età compresa tra i 30 e gli 84 anni. In base ai dati del 2018, hanno valutato (con sistemi di stima approvati a livello internazionale e molto utilizzati per queste analisi) che i consumatori, in seguito all’introduzione delle etichette, diminuiranno il consumo di alimenti zuccherati del 6,8%. Se poi l’obbligo di legge spingerà i produttori a modificare le ricette (come avvenuto, per esempio, per gli acidi grassi trans), si potrebbe avere un’ulteriore diminuzione dell’8,25%.

Tradotto in patologie, ciò significherebbe 354.400 casi di malattie cardiovascolari e 599.300 casi di diabete 2 in meno e, appunto, un risparmio di 31 miliardi di dollari per i costi sanitari e di 61,9 miliardi per quelli sociosanitari. Nel caso i produttori iniziassero a aggiungere meno zucchero, i numeri sarebbero: 708.800 casi di malattie cardiovascolari evitati, 1,2 milioni casi di diabete di tipo 2 evitati, 57,6 miliardi di spese sanitarie e 113,2 miliardi di spese sociali risparmiati.

In entrambi i casi gli effetti dovrebbero iniziare a essere visibili nel 2023. Sempreché – hanno commentato gli autori – le etichette siano facili da capire, e soprattutto sia facile da capire il legame tra zuccheri aggiunti, obesità, patologie cardiovascolari e diabete.

© Riproduzione riservata

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Medicines, supplements and drugs in a bottle on blue background

Integratori alimentari e Covid-19: ancora nessuna prova di utilità. Il rapporto dell’Iss sull’uso consapevole durante la pandemia

Da quando è scoppiata la pandemia di Covid-19, sono stati proposti numerosi integratori alimentari e …