Home / Nutrizione / Gli zuccheri aggiunti segnalati in etichetta aiutano a mangiare meglio: meno malattie e molti soldi pubblici risparmiati

Gli zuccheri aggiunti segnalati in etichetta aiutano a mangiare meglio: meno malattie e molti soldi pubblici risparmiati

zuccheri aggiuntiNegli Stati Uniti, l’obbligo di indicare gli zuccheri aggiunti in etichetta, introdotto nel 2016 e la cui piena applicazione è prevista tra il 2020 e il 2012, dovrebbe avere effetti molto significativi. Secondo una stima condotta dagli esperti della Friedman School of Nutrition della Tufts University e pubblicata su Circulation, infatti, nei prossimi venti anni dovrebbe tradursi in poco meno di un milione di casi di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2 evitati, con un risparmio di 31 miliardi di dollari per le spese sanitarie, e di circa 62 miliardi per i costi sociali.

I ricercatori hanno utilizzato i dati contenuti nell’archivio del National Health and Nutrition Examination Survey, che ogni anno registra il comportamento alimentare di oltre 5.000 cittadini di età compresa tra i 30 e gli 84 anni. In base ai dati del 2018, hanno valutato (con sistemi di stima approvati a livello internazionale e molto utilizzati per queste analisi) che i consumatori, in seguito all’introduzione delle etichette, diminuiranno il consumo di alimenti zuccherati del 6,8%. Se poi l’obbligo di legge spingerà i produttori a modificare le ricette (come avvenuto, per esempio, per gli acidi grassi trans), si potrebbe avere un’ulteriore diminuzione dell’8,25%.

Tradotto in patologie, ciò significherebbe 354.400 casi di malattie cardiovascolari e 599.300 casi di diabete 2 in meno e, appunto, un risparmio di 31 miliardi di dollari per i costi sanitari e di 61,9 miliardi per quelli sociosanitari. Nel caso i produttori iniziassero a aggiungere meno zucchero, i numeri sarebbero: 708.800 casi di malattie cardiovascolari evitati, 1,2 milioni casi di diabete di tipo 2 evitati, 57,6 miliardi di spese sanitarie e 113,2 miliardi di spese sociali risparmiati.

In entrambi i casi gli effetti dovrebbero iniziare a essere visibili nel 2023. Sempreché – hanno commentato gli autori – le etichette siano facili da capire, e soprattutto sia facile da capire il legame tra zuccheri aggiunti, obesità, patologie cardiovascolari e diabete.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Bevande zuccherate, bastano due lattine alla settimana per aumentare il rischio di cancro. I risultati di uno studio francese

Il consumo di bevande zuccherate è associato a un aumento del rischio di sviluppare un …