Home / Lettere / Confezioni dello yogurt zuccherato e naturale quasi identiche: una lettrice si lamenta. La risposta dell’azienda

Confezioni dello yogurt zuccherato e naturale quasi identiche: una lettrice si lamenta. La risposta dell’azienda

yogurtVi scrivo perché non è la prima volta che mi capita questo spiacevole incidente. Sono una grande consumatrici di Yogurt naturale (senza zucchero) per cui potrete immaginare il mio rammarico non appena ho aperto la confezione da 1 kg di yogurt Meran “Bianco Crema” che pensavo fosse naturale e che invece ho scoperto essere zuccherato (avrei dovuto capirlo dalla scritta “Bianco Crema”?). Andando a ricontrollare la confezione ho trovato scritto in caratteri minuscoli l’informazione, ma per il resto il packaging era in tutto e per tutto uguale a quello dello yogurt naturale. (Complice anche l’ubicazione nel supermercato insieme agli yogurt naturali. Ma siamo davvero sicuri che facciano apposta a posizionare i barattoli l’uno accanto all’altro, oppure anche i rivenditori non si accorgono della differenza dal packaging?). Vi scrivo perché è davvero spiacevole scoprire, al momento dell’assaggio, un prodotto diverso da quello desiderato.

Non esiste una normativa che permetta ai consumatori di essere informati in modo chiaro al riguardo?  Grazie per l’attenzione. Federica

Abbiamo inoltrato la questione della lettrice all’azienda produttrice, la Milchhof Meran Latteria Sociale.

La ringraziamo della segnalazione e siamo spiacenti di quanto accadutoLe.

La nostra linea Yogurt Merano è in commercio da 3 anni e non avevamo mai avuto simili segnalazioni, ma è nostra consuetudine cogliere queste osservazioni come spunto per migliorare la ns. qualità e la ns. presenza sul mercato. Ci dispiace che abbia giudicato la confezione ingannevole, creda, non era ns. intenzione. La base delle due confezioni differisce nella colorazione (yogurt naturale è bianca e yogurt crema è blu); inoltre, abbiamo inserito un flash con la scritta “cremoso” e abbiamo lasciato della stessa grandezza la definizione del gusto.

Nello yogurt  naturale non può esserci aggiunta di zucchero e sono presenti solo gli zuccheri naturali dello yogurt, mentre lo yogurt crema è da sempre zuccherato. Le osservazioni da Lei scritte ci indurranno comunque a rivalutare la confezione e a rendere più visibile e immediata la differenza.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Ingredienti diversi per lo stesso prodotto: è legale? Il caso del salame con l’allergene. Risponde l’azienda e l’avvocato Dario Dongo

Vi scrivo in quanto socia sostenitrice dell’Associazione di pazienti allergici Cibo Amico, in merito a …

3 Commenti

  1. È successo anche a me e anch’io ho ritenuto la confezione intenzionalmente ingannevole. Perché invece di scrivere “yogurt cremoso” non scrivete molto più semplicemente “yogurt zuccherato”? Sarebbe più immediato. .. e più veritiero

  2. Credo debbano considerare il fatto che solo un’infinitesima percentuale dei loro clienti faccia lo sforzo di segnalare eventuali “problemi”.

    Io personalmente, dopo aver comprato per anni proprio questa versione del loro yogurt, ottimo tra l’altro, ho semplicemente smesso e sono passato ai greci dopo aver preso per sbaglio quello zuccherato più di una volta (o non avendo trovato direttamente quello senza zucchero).

    Dal punto di vista del marketing, metterei bene in evidenza il fatto che non abbia aggiunte di alcun tipo. La fetta di clienti che cerca espressamente questo tipo di prodotti è in aumento esponenziale…

  3. Io non la trovo una cosa così “scandalosa”. Le confezioni, a ben vedere, presentano delle differenze sia di colorazione che di immagine. Lancio una provocazione… non sarebbe il caso di prestare più attenzione nel fare la spesa?
    D’altronde non c’è stata alcuna violazione normativa, quindi sta al consumatore “imparare” a districarsi in queste situazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *