Home / Pianeta / Votata una normativa per impedire l’ingresso in Ue di prodotti legati alla deforestazione

Votata una normativa per impedire l’ingresso in Ue di prodotti legati alla deforestazione

Foresta amazzonica che brucia, fumo, concept: deforestazioneIl Parlamento Ue ha votato una nuova normativa per impedire l’ingresso sul mercato comunitario di prodotti e materie prime la cui estrazione, raccolta o produzione è legata alla distruzione delle foreste o a violazioni dei diritti umani. Una misura chiave che rafforza il disegno di legge presentato dalla Commissione europea sulla deforestazione, in contrasto con la posizione debole assunta durante la votazione del Consiglio Ambiente dell’Ue del giugno scorso. Nel testo troviamo infatti definizioni più solide di “deforestazione” e di “degrado forestale”, che garantiranno una maggiore protezione delle foreste dall’espansione agricola e da altre pratiche distruttive.

L’elenco di materie prime e prodotti interessati dalla normativa è inoltre stato ampliato e comprende ora anche gomma, mais, pollame e carne (suina e caprina), che si vanno ad aggiungere a quelli proposti dalla Commissione (olio di palma, soia, caffè, cacao, legname e carne bovina). Fondamentale inoltre l’estensione delle responsabilità previste dalla normativa alle istituzioni finanziarie europee i cui investimenti non dovranno andare a favorire progetti e società legate alla distruzione delle foreste. Si tratta di una regolamentazione che dà finalmente seguito a un’esigenza particolarmente sentita dai cittadini dell’Unione. “Un recente sondaggio europeo – precisa Greenpeace – ha rilevato che l’82% degli intervistati ritiene che le aziende non dovrebbero vendere prodotti legati alla distruzione delle foreste e oltre il 70% si è dichiarato disposto a smettere di acquistare prodotti di aziende che contribuiscono alla deforestazione. Sempre secondo il sondaggio, il rischio di perdere clienti per una determinata azienda o rivenditore che contribuisce alla deforestazione è particolarmente elevato in Italia e Spagna”.

brasile deforestazione disboscamento iStock_000007201386_Small
Alla carne bovina, già presente tra i prodotti da verificare, si aggiugono ora anche le carni di pollo, suino e capra collegate al disboscamento

Per rendere pienamente operative le nuove regole, il Parlamento ha inoltre confermato la necessità dell’obbligo di tracciabilità e trasparenza lungo tutta la filiera, incluso il terreno di origine di prodotti e materie prime, anche tramite il geotracciamento. Queste infatti permetterebbero di verificare che un determinato terreno non sia stato deforestato o degradato. Il Parlamento ha inoltre escluso esenzioni nei controlli per aziende o prodotti che già aderiscono a schemi di certificazione volontari per fermare la deforestazione. Dopo questo voto inizieranno i negoziati tra il Parlamento, i governi nazionali e la Commissione Europea. Secondo Greenpeace il degrado forestale sarà uno dei temi più caldi di questi negoziati. La presidenza dell’Ue che guiderà questo processo è sotto pressione per concludere i negoziati prima dei vertici delle Nazioni Unite su clima e biodiversità previsti per la fine del 2022.

© Riproduzione riservata; Foto: Greenpeace, iStock

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Due branzini o spigole su un foglio di carta forno, circondato da fette di limone, erbe, pomodorini e peperoni

Le nanoplastiche possono risalire la catena alimentare dalle piante ai pesci

Che fine fanno le nanoplastiche, una volta che si sono formate e sono rilasciate nell’ambiente? …

Un commento

  1. Buongiorno.
    Questo significa che non troveremo più nei supermercati tonnellate e tonnellate di bresaola carissima (anche quando scontata), ottenuta dalla lavorazione di carne di zebù proveniente da aree del Brasile e da allevamenti coinvolti con la pratica criminale della deforestazione?
    Speriamo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *