Home / Pubblicità & Bufale / Volgarità e cibo, censurata la pubblicità di Sisley e di un`azienda vinicola

Volgarità e cibo, censurata la pubblicità di Sisley e di un`azienda vinicola

Il sesso, la volgarità, il cibo e le donne sono gli ingredienti usati per fare  pubblicità dalle aziende prive di idee che vogliono catturare l’attenzione del pubblico. Queste imprese focalizzano l’attenzione su un fondo schiena femminile o su una scena a sfondo sessuale  pur di colpire l’immaginazione dei consumatori. Il primo messaggio  sul banco degli imputati  è firmato dalla linea di abbigliamento per giovani Sisley del gruppo Benetton. In settembre su molti giornali femminili e anche sui manifesti stradali di diverse città è apparsa l’immagine di una donna sdraiata sul pavimento di un supermercato, con in bocca un cetriolo. Secondo l’Istituto di autodisciplina pubblicitaria che ha censurato la fotografia e lo slogan in inglese “let it flow” (ovvero lascialo venire, lascia correre..) risulta un evidente richiamo sessuale che  lede la dignità della donna. La decisione può sembrare moralistica ma non è così, perchè si cerca solo di salvaguardare il rispetto della persona. Purtroppo in Italia non esiste una legge che vieta l’utilizzo di immagini che calpestano la dignità della donna per pubblicizzare un prodotto alimentare o un vestito. Le aziende possono fare quello che vogliono. Le poche intercettate anche se vengono censurate non subiscono grandi danni, visto che quando arriva la sentenza le campagne il più delle volte sono  finite.

Il secondo messaggio sotto accusa  è firmato dall’azienda vitivinicola Lepore, che in un manifesto affisso a Pescara, propone la sagoma di un corpo femminile con un calice di vino  posizionato al posto delle mutande. La parola “Degustala”, seguita da un punto esclamativo non lascia molto spazio all’immaginazione. Secondo l’Istituto di autodisciplina pubblicitaria il manifesto “si pone l’obiettivo di suscitare sconcerto e disorientamento perimprimere nella mente delle persone il marchio dell’azienda, strumentalizzando la sensibilità delpubblico e gettando discredito sulla comunicazione pubblicitaria.”

L’aspetto  preoccupante della vicenda è che pochissimi giornali, siti e  altri media hanno rilanciato la notizia della censura di Sisley, anche se la campagna ha interessato molte testate e i manifesti sono apparsi in diverse città.

Roberto La Pira

 

Avatar

Guarda qui

bere acqua bicchiere vetro salute

Le bufale della rete: se si beve moltissima acqua si dimagrisce perchè diminuisce l’appetito (Iss salute)

“Se si beve moltissima acqua si perde l’appetito e si dimagrisce”. Questa credenza che gira …