Home / Controlli e Frodi / Vino sofisticato: sequestrati dai Nas oltre 30 mila litri di prodotti vinosi in provincia di Roma

Vino sofisticato: sequestrati dai Nas oltre 30 mila litri di prodotti vinosi in provincia di Roma

vino solfitiSequestrati oltre 30.000 litri di prodotto vinoso, circa 60 litri di vari aromi sintetici, caramello e altre sostanze idonee alla sofisticazione dei vini per complessivi 1.000 litri, nonché attrezzature varie e vasi vinari. Il tutto per un valore superiore ai 500.000 euro. È il risultato dell’indagine condotta dall’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi di Roma, i Carabinieri del Nas di Roma, che hanno dato corso a un decreto di perquisizione alla ricerca di partite di vino sofisticato e ad attrezzature e mezzi idonei alla sofisticazione come gli zuccheri, acidi ed aromi con il sequestro di uno stabilimento vinicolo non censito.

L’indagine scaturisce dai risultati di analisi chimiche su campioni di vino Dop/Igp, detenuti all’interno di uno stabilimento enologico in provincia di Roma, da parte del laboratorio Icqrf di Perugia, che hanno evidenziato la presenza di acqua e zuccheri non naturali dell’uva. Le investigazioni permettevano di accertare come per la truffaldina attività i soggetti indagati si avvalevano di compiacenti forniture di vini da parte di altre cantine che cedevano prodotti comuni anche “in nero”. I quantitativi di vini e prodotti rinvenuti durante le operazioni, facevano emergere una incongruità tra i quantitativi di vini acquistati e quelli detenuti e rivenduti nonché una illecita utilizzazione di denominazioni di origine Dop/Igp laziali e di altre regioni italiane. I titolari delle attività illecite sono stati deferiti alla predetta Procura della Repubblica poiché ritenuti responsabili di aver prodotto e posto in commercio vini sofisticati e con false denominazioni di origine.

© Riproduzione riservata

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.
Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

sicurezza degli alimenti

Attività 2021 dell’Icqrf: il maggior numero di controlli è avvenuto nel settore vitivinicolo

Nonostante le restrizioni determinate dalla pandemia, anche nel 2021, la salvaguardia dei prodotti agroalimentari italiani …

3 Commenti

  1. Il titolo dell’articolo è sbagliato, il sequestro è stato fatto non solo dai Nas ma dall’ispettorato repressione frodi del mipaaf (ministero delle politiche agricole) e dalla collaborazione dei Nas. In sostanza, tutta l’attività è partita dall’icqrf, a cominciare dalle analisi.

  2. Roberto Zaramella

    Ci lamentiamo giustamente del governo, delle tasse, ma tanti italiani sono veramente privi di scrupolo.

  3. E’ tutto un magna magna… anzi un bevi bevi.

    Nomi delle cantine interessate?