;
Home / Controlli e Frodi / Vino sofisticato, al via l’operazione “Ghost wine”, sequestri per un valore superiore ai 500.000 €

Vino sofisticato, al via l’operazione “Ghost wine”, sequestri per un valore superiore ai 500.000 €

vinoSono stati sequestrati oltre 30.000 litri di vino sofisticato, circa 60 litri di vari aromi sintetici, caramello e altre sostanze idonee alla sofisticazione dei vini per complessivi 1.000 litri, nonché attrezzature varie e vasi vinari. Il tutto per un valore superiore ai 500.000 euro. È il risultato dell’indagine condotta dall’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressione frodi e i Carabinieri del Nas di Roma, che con i militari dell’Arma Territoriale hanno dato corso a un decreto di perquisizione locale e personale a carico di Cantine Vinicole “fantasma”, abitazioni e pertinenze in uso a 5 persone indagate, alla ricerca di partite di vino sofisticato e ad attrezzature e mezzi idonei alla sofisticazione quali zuccheri, acidi ed aromi con il sequestro di uno stabilimento vinicolo non censito.

L’indagine scaturisce dai risultati di analisi chimiche su campioni di vini DOP/IGP, detenuti all’interno di uno stabilimento enologico in provincia di Roma, da parte del laboratorio ICQRF di Perugia. Le analisi hanno evidenziato la presenza di acqua e zuccheri non naturali dell’uva. Le investigazioni permettevano di accertare come per la truffaldina attività i soggetti indagati si avvalevano di compiacenti forniture di vini da parte di altre cantine che cedevano prodotti comuni anche “in nero”. I quantitativi di vini e prodotti rinvenuti durante le operazioni di perquisizione, facevano emergere un’incongruità tra i quantitativi di vino acquistato e quelli detenuti e rivenduti nonché un’illecita utilizzazione di denominazioni di origine DOP/IGP. I titolari delle attività illecite sono stati ritenuti responsabili di aver prodotto e posto in commercio vini sofisticati e con false denominazioni di origine.

© Riproduzione riservata. Foto: Stock.adobe.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Nas nam

Carabinieri Nas: controllate 119 mense ospedaliere e sanzionate 43

Negli ultimi giorni 300 Carabinieri dei NAS del Centro Italia hanno svolto verifiche e accertamenti sulla ristorazione …

6 Commenti

  1. Avatar

    Anche in questo caso si dice il peccato e non il peccatore, cioè l’etichetta dei vini sofisticati.

    • Avatar

      già, ed è frequente l’abitudine a non informare anche dopo il processo …

    • Avatar

      E questo è un esempio di quanto il “prodotto italiano”, e la sua stucchecvole retorica, è garanzia di nulla! Aspettiamo il risultato della celebrazione del processo ed intanto…alcuni continueranno ad acquistare e bere intruglio spacciato per vino, addirittura DOP/IGP! Così la truffa continua…

  2. Avatar

    non posso fare a meno di convenire con i commenti di Mario, Giova e Giovanni

  3. Avatar

    È assurdo che non si possono fare i nomi dei responsabili. La legge è dalla parte dei furbi.

  4. Avatar

    Se le indagini sono già in corso perché la truffa è emersa dall’attendibilità delle analisi, credo che sia indispensabile avvertire il consumatore del prodotto risultato illecito con il conseguente ritiro dello stesso dal commercio. Saluti.