Home / Pianeta / Bisfenolo A (BpA) il divieto nei biberon è definitivo. Aggiornata la normativa UE

Bisfenolo A (BpA) il divieto nei biberon è definitivo. Aggiornata la normativa UE

È finalmente a regime il divieto Ue di utilizzo del Bisfenolo-A (BpA) nei biberon di policarbonato. Grazie al regolamento di esecuzione (UE) n. 321/11 della Commissione “che modifica il regolamento (UE) n. 10/2011 per quanto riguarda le restrizioni d’uso del bisfenolo A nei biberon di plastica”.

La Commissione aveva già adottato questa misura, ma era intervenuta su una direttiva (2002/72/CE) che nel frattempo era stata abrogata dal 1° maggio 2011. Il nuovo regolamento ha così preso il posto della direttiva abrogata (reg. UE n. 10/2011) ma c’era un piccolo problema: non conteneva le restrizioni relative al bisfenolo A.

Il Fattoalimentare.it aveva perciò evidenziato la necessità di aggiornare il divieto di utilizzo del Bisfenolo-A nei biberon di policarbonato.

Il nuovo regolamento di esecuzione UE n. 321/2011 modifica perciò la tabella 1 dell’allegato I al regolamento (UE) n. 10/2011, chiarendo che la sostanza numero 151 (il BpA appunto) è «da non utilizzare per la fabbricazione di biberon di policarbonato per lattanti (*). La restrizione è applicabile a partire dal 1° maggio 2011 per quanto concerne la fabbricazione e a partire dal 1° luglio 2011 per quanto concerne l’immissione sul mercato e l’importazione nell’Unione».

La “svista” della Commissione è valsa a fare slittare di uno-due mesi i divieti (fissati a partire dall’1 marzo 2011, per la fabbricazione, e dall’1 giugno 2011 per l’immissione sul mercato oltre all’importazione dei biberon non conformi alle nuove regole). Poiché il Ministero della Salute ha attuato le misure di salvaguardia con tempestività, i lattanti italiani non correranno perciò alcun rischio legato al ritardo europeo.

Dario Dongo

foto: Photos.com

(*) Ai sensi dell’articolo 2 della direttiva 2006/141/CE si intendono per “lattanti: i bambini di meno di dodici mesi di età”.

 

Avatar

Guarda qui

Le vendite di antibiotici per uso veterinario stanno calando. Un articolo di Antongiovanni su Georgofili.it

Il consumo di antibiotici negli allevamenti italiani è in costante diminuzione come scrive in questo …