Home / Pianeta / In Gran Bretagna via libera al consumo di uova crude o poco cotte, purché certificate. Ridotto di molto il rischio della Salmonella

In Gran Bretagna via libera al consumo di uova crude o poco cotte, purché certificate. Ridotto di molto il rischio della Salmonella

uova crude
La sicurezza delle uova è notevolmente migliorata

In Gran Bretagna, la Food Standards Agency (FSA) ha avviato una consultazione pubblica che scadrà il prossimo 16 settembre, sulla decisione in vigore dal 1988 che sconsiglia il consumo di uova crude o poco cotte a gruppi di persone vulnerabili, come donne incinte, bambini e anziani. La decisione della FSA fa seguito ad un rapporto di esperti sul rischio microbiologico degli alimenti secondo cui la sicurezza delle uova è notevolmente migliorata, per quanto riguarda il rischio di Salmonella, rispetto all’ultimo rapporto  del 2001, che ribadiva il consiglio di non consumare uova crude o poco cotte. Il miglioramento della sicurezza delle uova in Gran Bretagna, secondo gli esperti, riguarda la presenza di marchi come  “Lion Code” e altri sistemi di certificazione equivalenti.

uova lion eggs code
Il “Lion Code” è stato introdotto in UK diciotto anni fa

Il “Lion Code, introdotto diciotto anni fa (leggi articolo), è un codice di condotta in materia di igiene, tracciabilità, benessere degli animali e refrigerazione delle uova durante il trasporto, che prevede anche la vaccinazione contro la Salmonella e test di controllo. Il 90% delle uova prodotte in Gran Bretagna ha il marchio “Lion Code”.

Nel 1988, durante il governo di Margaret Tatcher, il Paese fu colpito da un’epidemia di salmonella e l’allora Ministro della sanità  Edwina Currie, denunciò le responsabilità degli allevatori di galline. Il consumo di uova crollò dell’80%, milioni di animali furono soppressi e le proteste degli allevatori costrinsero il Ministro alle dimissioni.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

  Beniamino Bonardi

Beniamino Bonardi

Guarda qui

plastica bottiglie riciclo raccolta differenziata vuoto a rendere

Plastica: dalla produzione allo smaltimento produce grandi quantità di CO2

La plastica è uno dei principali responsabili del riscaldamento globale, anche se questa sua caratteristica …

6 Commenti

  1. INteressante!!!
    Perchè in Italia non vengono introdotte le stesse normative?
    Le uova crude o poco cotte fanno molto bene, ma chi si fida?

  2. @Lucia: Beh, “molto bene” mica tanto! il bianco dell’uovo contiene avidina che impedisce l’assorbimento di un’importante vitamina del gruppo B, la biotina, e inoltre le proteine del bianco d’uovo sono praticamente non assorbibili se non sono cotte.

    • Grazie Silvia x l’informazione , ma cosa è la biotina?

    • La biotina è una vitamina del gruppo B (definita anche B7 o H), si trova in arachidi, mandorle, soia, uova, yogurt e latte e patate americane; la carenza è rara ma quando si crea, negli adulti, è per lo più dovuta proprio al consumo di uova crude e causa: dermatite seborroica, glossite, nausea, anoressia, “fegato grasso”, ipercolesterolemia, alopecia e perfino paralisi. (Fonte: Krause, “Food & The nutrition Care Process”, 2012)
      Senza fare terrorismo, è solo per dire che “uova crude o poco cotte” non sono salutari, almeno per quanto riguarda il bianco.

    • Esatto Silvia!
      Stavo per scrivere la stessa cosa poi mi è caduto l’occhio sul tuo commento.

      Mi stupisce che questo fatto sia pressochè ignorato quando poi veniamo bombardati di suggerimenti strampalati come, ad esempio, quello di bere almeno 2 litri d’acqua al giorno, che forse sarebbe accettabile se uno mangiasse solo cracker e gallette di riso perchè bisogna anche tenere conto dell’acqua presente nel cibo

  3. Ma in Italia le uova così come sono vendute nei supermercati, possono essere mangiate senza cottura?
    Mi spiego meglio: un uovo al tegame, per esempio, dove il tuorlo rimane pressoche’ crudo, puo’ essere consumato tranquillamente?
    Ed anche nella preparazione dei gelati in casa, dove la ricetta preveda tuorli di uova che, chiaramente rimangono crudi, possono essere consumati?
    Grazie
    Raffaele