Home / Nutrizione / Nelle scuole britanniche gli alimenti ultra-trasformati sono i protagonisti del pranzo

Nelle scuole britanniche gli alimenti ultra-trasformati sono i protagonisti del pranzo

Vassoio di mensa scolastica con nugget, maccheroni al formaggio, broccoli e gelatinaL’alimentazione dei bambini e ragazzi britannici a scuola è da ripensare quasi totalmente, se si vuole che i più piccoli acquisiscano abitudini alimentari corrette e, soprattutto, non si trovino, fin dai primi anni di vita, a dover combattere con sovrappeso e obesità. Stando a quanto emerso in uno studio coordinato dal National Institute for Health and Care Research e pubblicato su Nutrients, infatti, tre quarti delle calorie assunte durante il pranzo a scuola proviene da alimenti ultra-trasformati, pieni zeppi di zuccheri, grassi, sale e additivi.

Il risultato – in parte inatteso, nelle sue dimensioni – arriva dall’analisi di ciò che i ragazzi delle scuole primarie e medie hanno consumato a scuola tra il 2008 e il 2017, in base a quanto riportato nel National Diet and Nutrition Survey, che ha coinvolto poco meno di 1.900 bambini di età compresa tra i 4 e gli 11 anni e 1.400 di età compresa tra i 12 e i 18 anni. In totale, mettendo insieme i pasti mangiati nella mensa della scuola e quelli di preparazione domestica, è emerso che circa il 75% delle calorie proveniva da cibi e bevande ultra-trasformati, con una percentuale che arrivava al 82% nel cibo portato da casa, mentre si fermava (si fa per dire) al 64% in quelli della ristorazione scolastica.

Schoolchildren enjoying their lunch in a school cafeteria
La maggioranza delle calorie assunte con il pranzo nelle scuole britanniche deriva da alimenti ultra-trasformati

Inoltre, i ragazzi più grandi assumevano quasi il 78% delle calorie attraverso ultra-trasformati, mentre i bambini il 73%. Ancora, protagonisti dei pasti portati da casa erano alimenti poco lavorati quali formaggi e latticini, carne, pane, ma soprattutto alimenti ultratrasformati come i prodotti da forno industriali, così come gli snack salati e dolci, i piatti pronti, le bevande gassate, che tendono aumentare con l’età. Come atteso, poi, sono stati gli allievi delle zone economicamente più disagiate a mangiare peggio, e visto che il costo della vita è in aumento sensibile anche nel Regno Unito, secondo i nutrizionisti è importante agire proprio su questi bambini e ragazzi, altrimenti destinati a mangiare sempre peggio, ricorrendo ad alimenti dalla scarsa qualità nutrizionale, ma più convenienti.

La fotografia di quanto accade nelle mense non stupisce, se si pensa che i ragazzi britannici sono i maggiori consumatori di junk food d’Europa (rispetto ai coetanei). Eppure, in base a un altro studio, questa volta condotto dai ricercatori dell’Università scozzese di Edimburgo e dai colleghi americani di Yale, i bambini e non solo loro, posti di fronte a una scelta tra alimenti che considerano naturali e una versione più artificiale degli stessi, non hanno dubbi: scelgono sempre quelli che ritengono siano naturali. I ricercatori lo hanno dimostrato in due serie di esperimenti. Nel primo a 137 bambini di età compresa tra 6 e 10 anni sono state proposte tre mele: una proveniente da un albero, una creata da un laboratorio (cioè coltivata in vitro, secondo quanto è stato detto loro) e una prodotta da un albero dentro un laboratorio. La scelta è caduta nettamente sulla prima mela, per quanto riguarda gusto ipotizzato, sicurezza e desiderio di mangiarla.

Nel secondo test, a 85 bambini di età compresa tra i 5 e i 7 anni e a 64 adulti è stato chiesto di scegliere uno tra quattro succhi d’arancia: uno spremuto dalle arance in una fattoria, uno privo di informazioni, uno con sostanze chimiche aggiunte e uno in cui era specificato che erano state tolte. Come riferito su Developmental Psychology, tutti, bambini e adulti, hanno preferito il succo della fattoria, percepito come più sano, più gustoso e più sicuro. Secondo gli autori, l’implicazione è ovvia: assecondare la predisposizione dei bambini e non solo verso alimenti semplici e naturali dovrebbe rendere gli interventi nutrizionali (per esempio nelle mense) più facili, e anche più razionali. Gli studenti amerebbero il cibo migliore, se solo fosse loro proposto.

© Riproduzione riservata Foto: Depositphotos, Fotolia

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

giornalista scientifica

Guarda qui

Una mano regge una manciata di capsule e compresse di integratori alimentari

Integratori alimentari, sono davvero utili per le funzioni cognitive e le patologie oculari?

Gli integratori alimentari negli ultimi anni hanno registrato un incredibile incremento delle vendite in farmacia e anche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *