Home / Controlli e Frodi / UK, appello per dire “no” a importazioni di carne con antibiotici e ormoni e polli al cloro provenienti dagli Usa

UK, appello per dire “no” a importazioni di carne con antibiotici e ormoni e polli al cloro provenienti dagli Usa

Nel Regno Unito 26 personalità del mondo associativo e accademico hanno firmato un appello rivolto alle principali catene di supermercati in cui si chiede di non importare dagli USA carne bovina e suina allevata con ormoni e promotori della crescita e polli trattati con antibiotici e sanitizzati poi con acqua e cloro nella fase di macellazione. Secondo i firmatari non considerare questi fattori negli accordi commerciali vuol dire aprire le porte all’importazione di alimenti prodotti secondo standard inferiori rispetto a quelli in vigore attualmente nel Regno Unito. La lettera è stata inviata agli amministratori delegati di nove grandi catene di supermercati, più precisamente: Tesco, Waitrose, Marks and Spencer, Asda, Sainsbury’s, Morrisons, Aldi UK, Lidl UK e Co-op UK.

Gli USA hanno infatti standard più bassi rispetto al Regno Unito e all’UE in diversi settori, come ad esempio la sicurezza alimentare, il benessere animale, la somministrazione di antibiotici e i requisiti ambientali. Le questioni sollevate nella lettera riguardano in primo luogo l’importazione di carne bovina trattata con ormoni, prodotta in allevamenti con bassi standard di benessere animale e ambientali. In genere agli animali vengono somministrati somatotropina e altri farmaci per aumentare la produzione di latte e stimolare la crescita.

Un appello ai supermercati britannici chiede di non importare dagli USA polli lavati con il cloro, pratica vietata nel Regno Unito e in Europa

Il secondo elemento contestato è la somministrazione di ractopamina per promuovere la crescita dei suini. Si tratta di una sostanza consentita negli Stati Uniti, ma proibita nel Regno Unito e in Europa. La carne di maiale importata potrebbe provenire anche da allevamenti in cui le scrofe sono confinate in stalle strette durante la gravidanza – una pratica illegale nel Regno Unito dal 1999. C’è infine il problema delle uova in polvere ottenute da polli allevati in batteria e l’importazione di carne di pollo sanitizzata con il cloro nella fase di macellazione e lavorazione, per risolvere i problemi derivanti dai bassi standard di igiene e benessere.

Clicca qui per leggere la lettera.

© Riproduzione riservata

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

vino nas

Nas ed Europol smascherano banda specializzata nella vendita di bottiglie di falsi vini pregiati

I Carabinieri del Nas di Firenze supportati da Europol, hanno neutralizzato una rete di contraffattori …

5 Commenti

  1. Avatar

    timori assolutamente condivisibili

  2. Avatar

    Come consumatori gli inglesi boicottino questi prodotti. Il boicottaggio massiccio è un arma decisiva contro le lobby

    • Avatar

      Concordo. Il consumatore ha uno strumento potente. NON ACQUISTARE LA MERCE. BOICOTTARE

    • Avatar

      I consumatori in genere comprano in base alla pubblicità e al costo, e certamente le carni e il pollame americano arriveranno col più grande dei battage pubblicitari che siano mai visti e a costi fortemente concorrenziali, quindi inutile illudersi che siano i consumatori a fermarli.

      Risibile poi l’appello ai supermercati ad andare contro i propri interessi, lo useranno come dieci piani di morbidezza rilasciando le più ampie rassicurazioni di facciata e non rinunciando nei fatti a un solo grammo di importazioni.

      Devono provvedere i governi a vietarne l’importazione, quello inglese per i suo territorio e l’Unione Europea per i nostri, ovviamente sulla spinta dei governi nazionali, o ci troveremo nel piatto quei cibi molto prima che ce ne possiamo rendere conto.

  3. Avatar

    Inusuale che gli Inglesi boicottino prodotti USA, nazione alla quale sono legati a doppio filo e con la quale c’è un’alleanza totale e non sono mai in disaccordo.

    A livello politico non passerà mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *