Home / Nutrizione / Tumore al colon, il 38% dei casi potrebbe essere evitato con una dieta più sana. I risultati di uno studio americano

Tumore al colon, il 38% dei casi potrebbe essere evitato con una dieta più sana. I risultati di uno studio americano

alimenti cibo dieta verdure pollo pesce saluteOgni anno decine di migliaia di casi di tumore al colon sono causati da una dieta scorretta. Il fatto, di per sé, non è una novità, ma oggi uno studio pubblicato si JNCI Cancer Spectrum dai ricercatori della Tufts University è riuscito a stimare il numero di tumori che si potrebbero evitare seguendo un’alimentazione bilanciata: solo negli Stati Uniti sarebbero più di 52 mila i casi di cancro al colon imputabili alla dieta, più di un terzo del totale.

Come spiega la Società italiana di gastroenterologia ed endoscopia (Sige), il tumore al colon retto è il terzo più comune in Italia e in Europa e rappresenta oltre il 10% di tutti i tumori registrati ogni anno. Ed è proprio questo tipo di cancro quello che ha una correlazione più forte con l’alimentazione: il 38,3% dei casi ha un legame con il cibo. Per fare un paragone, quando si guarda al numero di casi di cancro in generale, quelli legati alla dieta sono il 5%. L’incidenza maggiore è tra gli uomini oltre i 50 anni, ma studi recenti mettono in luce un allarmante aumento nelle fasce più giovani, forse legato all’alimentazione scorretta e all’aumento dei tassi di obesità.

Ma quali sono i cibi e i comportamenti alimentari che favoriscono lo sviluppo del tumore? Secondo lo studio, i fattori dietetici che aumentano di più il rischio sono uno scarso consumo di cereali integrali e di latticini e un eccesso di carni processate. Quali siano le sostanze contenute in questi gruppi di alimenti che riducono o aumentano il rischio di tumore non è ancora del tutto chiaro, ma altri studi hanno dimostrato che alcuni composti – fibre, vitamina E, selenio, polifenoli e omega-3 – hanno un effetto positivo.

“Purtroppo – spiega Filomena Morisco, del dipartimento di Scienza degli alimenti dell’Università ‘Federico II’ di Napoli – la popolazione percepisce il messaggio di una corretta e sana alimentazione in maniera generica e superficiale, mentre questo studio stabilisce in maniera precisa il tipo e l’entità del rischio di tumore attribuibile alla dieta.” Non solo, la ricerca dimostra anche che l’alimentazione è una preziosa arma per la prevenzione di questo tipo di tumore. Adesso sta alle istituzioni utilizzare questi dati per mettere in campo le giuste politiche nutrizionali.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Giulia Crepaldi

Giulia Crepaldi

Guarda qui

Integratori: pro e contro. Il parere degli esperti per scongiurare i rischi e usarli nel modo corretto

3,5 miliardi di euro: è il valore del mercato degli integratori alimentari, in Italia, nel …

Un commento

  1. Avatar

    Notizie importanti al pari di una “dieta più sana” per diminuire la possibilità di contrarre un tumore al colon con diete sbagliate.