;
Home / Allerta / Tossina di Shiga in carne bovina biologica dalla Spagna e cadmio in murice… Ritirati dal mercato europeo 101 prodotti

Tossina di Shiga in carne bovina biologica dalla Spagna e cadmio in murice… Ritirati dal mercato europeo 101 prodotti

Nella settimana n°18 del 2021 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 101 (10 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti nel nostro Paese oggetto di allerta comprende tre casi: tossina di Shiga, prodotta dal gruppo Escherichia coli, in carne bovina biologica dalla Spagna; sostanza non autorizzata (ossido di etilene) in amaranto biologico dall’India; presenza di cadmio oltre i limiti di legge in murice spinoso (Bolinus brandaris) dall’Italia.

Tossina di Shiga
Tossina di Shiga, prodotta dal gruppo Escherichia coli, in carne bovina biologica dalla Spagna

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi nel nostro Paese che non implicano un intervento urgente troviamo: contaminazione microbiologica in latte senza lattosio in confezione da 25 cl, proveniente dalla Francia; Cadmio in calamaro patagonico scongelato dall’Italia con materia prima dalla Spagna, attraverso la Slovenia; residui di pesticida (Chlorpyrifos) in peperoni, diversi da quelli dolci, dell’Uganda.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala Aflatossine in fichi secchi biologici della Turchia; presenza di Listeria Monocytogenes in salmone selvaggio affumicato a freddo con legno di faggio dalla Danimarca; Ritrovamento di ossido di etilene in fiocchi di psillio dall’India; Mercurio in tonno pinna gialla scongelato dalla Spagna; Sgombri infestati da larve di Anisakis, dalla Francia; Aflatossine (B1) in polvere di peperoncino tostato proveniente dallo Sri Lanka; Mercurio nel pesce spada (Xiphias gladius) dalla Spagna.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato la Francia segnala E. Coli in molluschi bivalvi; l’Austria segnala residui di pesticida (clormequat) in pere.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Residui di pesticida in arance dalla Spagna e Salmonella in integratore dall’India. Ritirati dal mercato europeo 104 prodotti

Nella settimana n°20 del 2021 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per …

3 Commenti

  1. Avatar

    Che bollettino di guerra:

    Tossine nella carne bovina, cadmio nei molluschi e calamari, contaminazioni nel latte, listeria nel salmone, mercurio nel tonno e pesce spada, sgombri infestati da larve…

    Ossido di etilene dall’India, pesticidi dall’Uganda, aflatossine dalla Turchia e Sri Lanka…

    L’Italia si difende con pesticidi nelle pere e E. Coli in molluschi.

    • Avatar

      Stavo pensando la stessa cosa: fra un po’ cosa ci resterà da mangiare di “consentito”? (Consentito: termine usato nelle diete controllate…☺)
      L’ho già detto, ma ripeto: addirittura i pesticidi attraversano la buccia della banana, che non è proprio carta velina!…

  2. Avatar

    questi sono i risultati degli scempi che l’uomo ha compiuto e compie tutt’ora alla terra, aria, suolo, mari, fiumi inquinati e di cosa ci meravigliamo?!
    Quello che facciamo alla natura….prima o poi ci torna indietro come una boomerang ma quando lo capiremo seriamente….oramai sarà troppo tardi!