; Sugar tax, le strategie delle aziende per fermare le tasse sulle bibite
Home / Etichette & Prodotti / Sugar tax, le strategie delle aziende per fermare le tasse sulle bevande zuccherate

Sugar tax, le strategie delle aziende per fermare le tasse sulle bevande zuccherate

bevande zuccherate bibite zucchero sugar tax soda taxI produttori di bevande zuccherate degli Stati Uniti stanno mettendo in atto, da anni, un’azione di lobbying mutuata direttamente da quelle adottate nei decenni scorsi dall’industria del tabacco, con uno scopo molto chiaro: impedire a ogni costo che passino limitazioni e, soprattutto, tasse specifiche, le cosiddette sugar tax. Uno degli strumenti più utilizzati, a tal fine, è quello delle leggi di prelazione, cioè l’adozione di normative federali o statali che impediscano alle singole amministrazioni di varare nuove tassazioni a livello locale. Secondo i ricercatori dell’Università del Nevada di Reno, che hanno condotto uno studio dettagliato su quanto accaduto negli ultimi anni, il fenomeno è sempre più pervasivo ed evidente, e deve essere fermato con una revisione delle leggi attuali. 

Come riportato sull’American Journal of Public Health, infatti, tra il 2014 e il 2017 la nazione Navajo e sette città hanno introdotto una sugar tax (Albany, Oakland, San Francisco e Berkeley in California, Boulder in Colorado, Filadelfia in Pennsylvania, Seattle nello stato di Washington). La città di Washington D.C. aveva fatto lo stesso, ma poi  la spinta politica si è fermata, soprattutto a causa della strenua opposizione dei produttori. A partire dal 2017, però, Arizona, California, stato di Washington e Michigan hanno approvato leggi nazionali volte a fermare qualunque iniziativa del genere delle singole città, e in tre casi lo hanno fatto pochi giorni prima della decisione finale sulla sugar tax: in media 29 giorni prima, ma in California cinque giorni prima, in Michigan 37 e in Arizona 46 giorni prima. 

Redhead woman holding soda refreshment with angry face, negative sign showing dislike with thumbs down, rejection concept
In quattro stati americani sono state varate leggi di prelazione per impedire alle città di introdurre tasse sulle bevande zuccherate

Inoltre, dal 2017, quattro stati (Illinois, New Mexico, Pennsylvania e Oregon) hanno ritirato proposte già presentate di leggi di prelazione, o hanno dovuto farlo in seguito alle forti pressioni dei cittadini che, invece, volevano le sugar tax. Secondo gli autori, in questi ultimi anni le aziende hanno speso 50 milioni di dollari per influenzare l’opinione pubblica di otto stati, per campagne di marketing, per finanziamenti ai politici locali e per orientare il voto nei referendum locali. 

Tutto ciò dimostra come sia giunto il momento di modificare le norme a livello federale, in modo che non sia più possibile bloccare a monte decisioni di questo tipo. Le quali – ricordano i ricercatori – in passato hanno portato a gravi ritardi o hanno impedito leggi sull’utilizzo dei sacchetti di plastica, o sui salari minimi, sui diritti dei cittadini omosessuali e, da ultimi, sulla protezione dal Covid-19. Ora bisogna mettere insieme esperti di leggi, ma anche nutrizionisti, psicologi, esperti di salute pubblica e di marketing e tutte le figure necessarie, e bisogna osservare quanto accade in altri Paesi, per rendere l’introduzione eventuale di tasse o norme di questo tipo un processo che non incontra intoppi né risente di pressioni commerciali, avendo la tutela della salute pubblica prevalenza su tutto il resto. 

© Riproduzione riservata Foto: stock.adobe.com

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

Different pasta types on the wooden table.

Granoro: arriva la certificazione “Pesticide e Glyfosate Free” per la linea Dedicato

Granoro “Dedicato”, oltre ad essere  fatta con  grano 100% pugliese dal 2012, adesso ha anche …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *