;
Home / Nutrizione / La sugar tax funziona, sui ragazzi. Ancora uno studio a favore delle tasse sulle bibite zuccherate

La sugar tax funziona, sui ragazzi. Ancora uno studio a favore delle tasse sulle bibite zuccherate

adolescente ragazza bevanda zuccherata cannuccia smartphoneMentre in Italia il Governo, come da richiesta diretta di Confindustria, ha rinviato la sugar tax (e anche la tassa sulla plastica monouso), nel mondo gli studi continuano a confermare che è efficace e scoraggia i consumi, soprattutto tra le popolazioni più a rischio, come alcune minoranze, e nelle fasce più sensibili alla pubblicità e più soggette all’obesità, come gli adolescenti.

L’ultimo in ordine di tempo, pubblicato su JAMA Pediatrics dai ricercatori dell’Ospedale pediatrico di Filadelfia, è anche uno dei più rilevanti usciti finora, per entità di popolazione e per periodo di tempo considerati. Lo studio riguarda infatti poco meno di 87 mila ragazzi dell’età media di 15 anni di otto grandi distretti scolastici: Filadelfia, New York, Baltimora, le contee di Orange County, Palm Beach e Broward in Florida, San Diego e Los Angeles in California. Solo uno di questi distretti, quello di Filadelfia, però è soggetto a tassazione.

ragazzi adolescenti pizza bevande zuccherate
Lo studio ha analizzato gli effetti della sugar tax sui consumi di bevande degli adolescenti di Philadelphia

Per analizzare l’eventuale effetto della tassa (di 0,015 dollari per oncia di bevanda zuccherata o dolcificata artificialmente) introdotta a Filadelfia il primo gennaio 2017, gli autori hanno fatto ricorso ai dati degli acquisti relativi al periodo 2013-2019, contenuti nel grande database Youth Risk Behavior Surveillance System, un sondaggio biennale sui comportamenti a rischio di bambini e ragazzi (della fascia d’età compresa tra i 2 e i 15 anni) condotto dai Cdc di Atlanta, e hanno verificato anche i dati di latte e succhi di frutta al 100%, per confronto.

È così emerso che a Filadelfia, città nella quale i ragazzi bevevano una quantità molto elevata di bibite, dal momento dell’introduzione della tassa il consumo medio è diminuito di 0,81 porzioni a settimana, mentre negli altri distretti non ci sono state variazioni degne di nota. Si è trattato di un effetto specifico, perché non sono emersi cambiamenti neppure nei consumi di succhi e di latte. Le sottoanalisi hanno poi mostrato che le minoranze afroamericane e ispaniche sono quelle che più hanno risentito dell’aumento di prezzo, con una diminuzione di 1,13 porzioni a settimana per ragazzo.

coca cola bevande gassate bibite zuccherate
Due anni dopo la sugar tax gli adolescenti di Philadelphia consumano quasi una porzione di bibite in meno alla settimana

La definizione di porzione, che indica volumi diversi, è stata mantenuta sia per l’impossibilità di scorporare dati più specifici, sia per indicare il cambiamento delle consuetudini, considerato fattore decisivo per un miglioramento duraturo. Infatti, secondo gli autori, questo studio, effettuato due anni dopo l’introduzione della tassa, suggerisce che il provvedimento abbia modificato stabilmente le abitudini dei ragazzi, tra i più forti consumatori di tutti gli Stati Uniti.

Il limite principale dello studio risiede nel fatto che i dati si basano su quanto riferito dagli studenti. Inoltre non è chiaro quali altre bibite potrebbero aver sostituito quelle gassate, visto che non sembra lo abbiano fatto i succhi e il latte. Ma il messaggio conclusivo è a favore della tassazione delle bevande zuccherate ed edulcorate.

© Riproduzione riservata Foto: depositphotos.com, fotolia.com

Il Fatto Alimentare da 11 anni pubblica notizie su: prodotti, etichette, pubblicità ingannevoli, sicurezza alimentare... e dà ai lettori l'accesso completamente gratuito a tutti i contenuti. Sul sito non accettiamo pubblicità mascherate da articoli e selezioniamo le aziende inserzioniste. Per andare avanti con questa politica di trasparenza e mantenere la nostra indipendenza sostieni il sito. Dona ora!

Roberto La Pira

  Agnese Codignola

Agnese Codignola
giornalista scientifica

Guarda qui

African Children Holding Hands Cupped To Beg Help. Poor African children keeping their cupped hands, asking for help. African children suffer from poverty, diseases, water scarcity and malnutrition.

Bambini malnutriti, alimenti fortificati con l’omega-3 Dha per proteggere le facoltà cognitive

Negli stessi giorni sono stati pubblicati due studi che indagano sull’infanzia da due prospettive opposte. …