Home / Nutrizione / Anche la Malesia apre alla sugar tax sulle bibite zuccherate. La tassa in vigore del mese di aprile 2019

Anche la Malesia apre alla sugar tax sulle bibite zuccherate. La tassa in vigore del mese di aprile 2019

Come risparmiare denaro del contribuente e al contempo promuovere il benessere dei cittadini? Una tassa sulle bevande zuccherate può essere la soluzione per avere benefici fiscali e di salute. La Malesia ha appena approvato la sugar tax con l’intenzione di ridurre i livelli di obesità visto che il Paese figura in testa alle classifiche asiatiche. Quasi la metà degli adulti sono sovrappeso od obesi e il problema nell’infanzia è in crescita. Secondo i  dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms)  la popolazione tra i 5 e i 19 anni classificata come obesa è lievitata dal 7,7% nel 2006 al 12,7% in dieci anni. Secondo il National health and morbidity survey (Adolescent health survey) 2017, più di uno studente su tre in Malesia consuma una o più bibite zuccherate al giorno.

Secondo l’Economist Intelligence Unit, l’obesità è responsabile del 10-19% dei costi totali della spesa sanitaria della Malesia, il valore più alto tra i paesi asiatici. Un conto troppo caro sia per il governo sia per i cittadini, specialmente il tempi di crisi economica. La tassa entrerà in vigore dal 1° aprile 2019. Le bevande con più di 5 g di zucchero per 100 ml e i succhi con più di 12 g di zucchero per 100 ml saranno gravate da un’accisa di 0,40 myr (10 centesimi di dollaro).

Più di uno studente su tre in Malesia consuma una o più bibite zuccherate al giorno. Il governo introduce la sugar tax per ridurre consumi e rischio obesità

È provato che l’aumento di prezzo delle bibite zuccherate  fa diminuire i consumi. Per questo l’Oms già nel 2016 suggeriva a tutte le nazioni di introdurre una tassa specifica per aumentare i prezzi di almeno il 20%. In ogni caso la sugar tax è un punto di partenza e non di arrivo. Serve a stimolare la consapevolezza sul contenuto di zucchero, su quanto è nocivo, e a indurre le aziende a rivedere le formulazioni, proponendo bibite più salutari. L’ideale sarebbe affiancare questo importante provvedimento con interventi su altri fronti come l’istruzione, la promozione di alimenti sani, un’etichettatura nutrizionale veritiera e semplice da capire e apposite normative sul marketing alimentare.

© Riproduzione riservata

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264
indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare 2018. Clicca qui

  Elena Mattioli

Elena Mattioli

Guarda qui

cirfood food shuttle 2018 c

Food Shuttle: l’educazione alimentare atterra nelle scuole tra esperienze sensoriali e hi-tech

Si può rendere l’educazione alimentare interessante come un’avventura su una navicella spaziale o una visita …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *