Home / Sicurezza Alimentare / Sottovalutata la presenza di Bisfenolo A nell`uomo aumentano le preoccupazioni

Sottovalutata la presenza di Bisfenolo A nell`uomo aumentano le preoccupazioni

 

L’esposizione  dell’uomo al Bisfenolo A ( Bpa)  è maggiore di quanto si pensa. E’ la tesi di uno studio americano pubblicato il 20 settembre  sulla rivista Environmental Health Perspectives. I ricercatori dell’Università del Missouri, in collaborazione con scienziati dell’Università della California-Davis e Washington State University ritengono di avere “prove convincenti che il BPA agli attuali livelli di esposizione si deve considerare pericoloso per la salute“ . Secondo le  prove condotte su un gruppo di donne, di scimmie e di topi l’ingestione di Bpa determina un innalzamento immediato della sostanza nel sangue di tutti i soggetti. Lo studio – recita un comunicato dell’University of Missouri –  dimostra in modo eclatante di quanto sia pericoloso il Bpa  e che occorre subito adottare provvedimenti per ridurre l’esposizione. Per questo motivo gli autori invitano il governo degli  Stati  Uniti a censire tutti i prodotti che contengono Bpa.

Il problema è delicato perché i quantitativi di Bpa utilizzato ogni anno ammonta a  circa 3,6 milioni di tonnellate e la sostanza non si trova in numerosissimi imballaggi alimentari  composti da policarbonato i biberon e  una miriade di altre  fonti.

Attualmente la Food and Drug Administration (Fda) e l’Agenzia europea per la sicurezza alimentare (Efsa) stanno rivedendo le proprie opinioni sulla tossicità del Bpa.

 

Avatar

Guarda qui

Tea tree, cajeput e niaouli: ci sono rischi legati agli integratori con oli essenziali di melaleuca? Il parere dell’Anses

Gli oli essenziali di melaleuca – tea tree oil, olio dell’albero del tè, olio di …