Home / Pubblicità & Bufale / SanFruit di Sant’Anna dopo la censura della pubblicità cambia immagine e torna sui muri della metropolitana a tempo di record

SanFruit di Sant’Anna dopo la censura della pubblicità cambia immagine e torna sui muri della metropolitana a tempo di record

sanfruit pubblicita
Il nuovo manifesto scelto da Sanfruit di Sant’Anna è cambiato dopo la censura del Giurì

La pubblicità SanFruit Sant’Anna censurata dal  Comitato di Controllo del Giurì pochi giorni fa è cambiata. Il messaggio mostrava l’immagine dei nuovi succhi di frutta affiancati dal fondoschiena di una donna in costume, con le mani appoggiate sui fianchi, il tutto abbinato allo slogan  “Il gusto pieno della frutta”. Nella sentenza di censura  la decisione viene motivata perché:  il corpo femminile viene equiparato ai prodotti che si pubblicizzano accostando la pienezza del gusto a quella della parte anatomica esposta.

Il nuovo manifesto (vedi foto)  propone  il volto di una giovane donna che si appresta a bere il succo.

 

sanfruit
Questo è il manifesto che è stato censurato dal Giurì perché lede la dignità della donna

In Italia non esiste una legge che permette di censurare queste forme di pubblicità sessiste. Il Comitato di controllo del Giurì della pubblicità è l’unico organo che si occupa di monitorare e censurare i numerosi messaggi che offendono la dignità del corpo femminile. Purtroppo si  tratta di una struttura volontaria costituita da aziende e dai media che non prevede multe ammende o altri tipi di pena. Chi  viola il codice deve solo  interrompere immediatamente  la campagna. Le sentenze del Giurì in genere arrivano quando la campagna pubblicitaria è finita,  tranne quando si tratta di messaggi che violano la dignità femminile. In questi casi le decisioni vengono prese in pochi giorni.

Sara Rossi

© Riproduzione riservata

 

Se segui Il Fatto Alimentare, leggi le notizie, scarichi i libri e apprezzi l’indipendenza della redazione, sostieni il nostro lavoro con una donazione.

sostieniProva2

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal): clicca qui

Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

intestato a Ilfattoalimentare.it di Roberto La Pira indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare

 

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

donazione di cibo

La leggenda metropolitana degli italiani che sprecano il 30% della spesa alimentare domestica

Difficile credere che nelle famiglie italiane nove anni fa il 30% circa della spesa finisse …