Home / Pianeta / I numeri del biologico in Italia nel 2022: presentati i dati dell’Osservatorio Sana

I numeri del biologico in Italia nel 2022: presentati i dati dell’Osservatorio Sana

sana 2022 salone del biologico e del naturaleCon oltre 2 milioni di ettari di coltivazioni biologiche, l’Italia si conferma il paese leader in Europa per superficie agricola destinata al bio, mentre i consumi continuano a crescere, soprattuto fuori casa: nel 2022 nove famiglie italiane su dieci (89%) hanno acquistato prodotti biologici almeno una volta. Lo rivelano i dati dell’Osservatorio Sana 2022, presentati durante della quarta edizione di Rivoluzione Bio 2022, uno degli eventi che animano Sana, il Salone internazionale del biologico e del naturale, in corso a Bologna Fiere dall’8 all’11 settembre.

Secondo l’Osservatorio, frutto della collaborazione con Nomisma, l’Italia è il paese dell’Unione Europea con la più ampia superficie dedicata al biologico: poco meno di 2,2 milioni di ettari nel 2021, pari al 17,5% del totale delle superfici agricole, ben al di sopra della media europea (9%). Con questi numeri l’Italia si mette sulla buona strada per centrare l’obiettivo della strategia Farm to Fork di arrivare al 25% di superfici dedicate al biologico entro il 2030. Crescono anche le esportazioni di prodotti bio italiani, che registrano un aumento del 16% rispetto all’anno precedente e raggiungono quota 3,4 miliardi. Il trend positivo dell’export biologico Made in Italy  è in corso da ormai oltre 10 anni: dal 2008 ad oggi è cresciuto del 181%.

Il mercato interno, invece, negli ultimi 10 anni ha registrato un aumento del 131%. Solo nell’ultimo anno (da agosto 2021 a luglio 2022), le vendite di prodotti alimentari biologici hanno superato quota 5 miliardi di euro in valore, in aumento rispetto allo scorso anno e pari al 3,5% delle vendite mondiali di prodotti biologici. Tuttavia, la crescita del mercato del bio in Italia è dovuta soprattutto ai consumi fuori casa (+53%), mentre quelli domestici scendono per la prima volta dopo anni (-0,8%). Il calo è trainato soprattutto dai negozi specializzati, che segnano una riduzione dell’8% rispetto all’anno precedente, mentre la grande distribuzione si mantiene sostanzialmente stabile (+0,8%) e continuano a crescere gli altri canali (+5%) come mercatini, vendite dirette e gruppi di acquisto solidale.

La grande distribuzione rimane comunque il principale canale di acquisto per i prodotti biologici e rappresenta il 57% delle vendite bio: un mercato che ha raggiunto il valore di 2,3 miliardi di euro. Gli italiani acquistano alimenti biologici soprattutto negli iper e nei supermercati, ma sono in forte crescita i discount (+14%). Continua anche il trend positivo per il mercato bio online (+5%), che raggiunge i 78 milioni di euro.

biologico canali venditaPiù della metà (57%) delle vendite di alimenti biologici è rappresentata dalla categoria dei prodotti a lunga conservazione (drogheria) come pasta, conserve, sughi e prodotti da forno. Seguono i freschi, come formaggi, salumi, yogurt e uova, stabili al 20% e l’ortofrutta in leggera crescita al 13%. Crescono molto le carni biologiche, che segnano un aumento del +15% rispetto all’anno precedente, superiore al totale dell’agroalimentare (+10%). Scendendo più nel dettaglio dei singoli prodotti bio, i più venduti sono le uova, le confetture e i sostituti del latte.

© Riproduzione riservata Foto: Sana, Osservatorio Sana 2022

Da 12 anni Ilfattoalimentare racconta cosa succede nel mondo dei supermercati, quali sono le insidie nelle etichette, pubblica le sentenze sulle pubblicità ingannevoli oltre che segnalare il lavoro delle lobby che operano contro gli interessi dei consumatori.

Il nostro è un sito indipendente senza un editore, senza conflitti di interesse e senza contributi pubblici. Questo è possibile grazie ai banner delle aziende e alle migliaia di lettori che ogni giorno ci leggono e ci permettono di sfiorare 20 milioni di visualizzazioni l'anno, senza farcire gli articoli con pubblicità invasive. Ilfattoalimentare dà l'accesso gratuito a tutti gli articoli.
Sostienici, basta un minuto clicca qui. Se vuoi puoi anche farlo con un versamento mensile.

Roberto La Pira

  Giulia Crepaldi

Guarda qui

Bottiglia di vino rosso, grappolo di uva nera e due calici distesi su un tavolo di legno

La crisi climatica sta cambiando il vino: aromi e sapori sempre più simili e omologati

C’è un fenomeno di cui si sono accorti molti chef, enologi, produttori e consumatori: il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *