Home / Pianeta / Salute e alimentazione: Mario Negri e Università Cattolica insieme fondano l’Italian institute for planetary health

Salute e alimentazione: Mario Negri e Università Cattolica insieme fondano l’Italian institute for planetary health

Italian institute Planetary Health IIPH SaluteOggi è stata annunciata la creazione dell’Italian institute for planetary health (IIPH) un nuovo soggetto scientifico frutto dell’unione tra l’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri e l’Università Cattolica del Sacro Cuore con la partecipazione di Vihtali, spin off dell’Ateneo che si occuperà di salute e alimentazione. Si tratta di un progetto con una nuova visione del problema alimentare fino ad ora assente in Italia. Si vogliono studiare le modalità della corretta alimentazione da correlare e affiancare alla salute e all’ambiente del pianeta. Un’idea non così distante dal tema dell’Expo 2015 che aveva come filo conduttore “Nutrire il pianeta, energia per la vita”. La manifestazione di Milano ha avuto un grande successo, ma non ha lasciato traccia dei buoni propositi. Da allora l’assenza delle istituzioni in materia di nutrizione, educazione e politica alimentare si è aggravata, lasciando sempre più spazio agli interessi di lobby e categorie pronte a ostacolare le iniziative non gradite come la sugar tax o l’etichetta a semaforo.

I primi progetti di IIPH vedono i ricercatori impegnati nello studio dei fattori che incidono sull’invecchiamento della popolazione. Le analisi si focalizzeranno sulle differenze dei determinanti dal punto di vista, genetico, biologico, molecolare, epidemiologico e ambientale. L’analisi verrà ampliata a livello internazionale, in particolare in Giappone, Paese che vanta un’elevata longevità come l’Italia, ma che presenta abitudini alimentari molto diverse. Nella rosa dei progetti anche la ricerca di modelli alimentari, anche personalizzati, con l’impiego delle migliori tecnologie a disposizione (genomica, big data, intelligenza artificiale), con l’obiettivo di stabilire il rapporto tra diversi componenti alimentari nell’influenzare la salute dell’uomo. Una fetta della ricerca sarà orientata allo sviluppo di modelli di predizione e valutazione dell’impatto di sistemi alimentari sostenibili in relazione al cambiamento climatico, sulla preservazione dell’ambiente e sulla biodiversità.

Acai
Salute e alimentazione: Acai è pianta che cresce in Amazzonia, il frutto ha la più alta concentrazione di antiossidanti al mondo

Giuseppe Remuzzi direttore del Mario Negri ha parlato di nuove piante in Amazzonia ricchissime di antiossidanti da “scoprire”, senza però dimenticare il gambo del  broccolo di casa nostra altrettanto interessante al punto di vista alimentare. Qualcuno si è chiesto come mai l’istituto da sempre focalizzato nella ricerca farmacologica abbia deciso di sconfinare nell’ambito alimentare.

Remuzzi ha ricordato come siano connessi i due temi e quanto sia importante investire in stili di vita e alimentazione per migliorare la salute ricordando il ruolo e l’apporto di oncosoppressori  presenti in molti cibi mentre a volte i farmaci ne hanno solo uno. C’è infine un altro elemento da considerare,  in diverse regioni del mondo oltre il 50% dei decessi correlati alla dieta e i due terzi del daly (*) sono dovuti all’alto apporto di sodio e alla scarsa presenza di cereali integrali e frutta  nella dieta.

Anche il broccolo ha una quantità elevata di fattori antitumorali
Anche il broccolo ha una quantità elevata di fattori antitumorali

Walter Ricciardi che nel nuovo istituto rappresenta l’Università Cattolica, ha ribadito la necessità di promuovere la salute dell’uomo attraverso l’evidenza scientifica e la divulgazione delle notizie, invitando altri gruppi scientifici come Human Technopole o con l’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) di Parma, e i  vari istituti di ricerca che operano nell’ambito del Servizio sanitario nazionale. Per quanto riguarda gli investimenti  oltre alla volontà di c0involgere le aziende alimentari interessate, si punterà anche ai fondi europei destinati alla ricerca. Nel cassetto ci sono già 25 progetti  pronti a  partire. Il primo riguarderà lo studio dei determinanti  alimentari  che incidono sull’invecchiamento facendo un  confronto tra lo stile alimentare e il cibo degli abitanti delle zone dove si vive di più in Italia e in Giappone. Altri temi focalizzeranno l’attenzione sulle tradizioni alimentari e sui cibi che caratterizzano sia la dieta mediterranea sia quella di popolazioni di Asia e Africa ancora legate alla tradizione, evidenziando sovrapposizioni  e correlazioni tra i vari elementi  nutritivi. Ilfattoalimentare seguirà con attenzione IIHP rilanciando iniziative e ricerche.

(*) Daly (Disability-Adjusted Life Years) numero di anni persi per disabilità o malattia a causa della dieta

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

  Roberto La Pira

Roberto La Pira
Giornalista professionista, laurea in Scienze delle preparazioni alimentari

Guarda qui

Lavazza cuba caffe agricoltrici donne emancipazione

Caffè, sostenibilità ed emancipazione femminile: a Cuba il progetto di Lavazza con Oxfam documentato da Steve McCurry

Una tazzina di caffè può favorire lo sviluppo sostenibile e l’emancipazione femminile? È quello che …

Un commento

  1. Avatar

    Iniziativa molto interessante, grazie per l’articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *