Home / Etichette & Prodotti / Salsiccia e salsiccia fresca sono due prodotti diversi? Il CeIRSA spiega come distinguerle

Salsiccia e salsiccia fresca sono due prodotti diversi? Il CeIRSA spiega come distinguerle

Salsiccia e salsiccia fresca sono due prodotti diversi da un punto di vista tecnologico

Che differenza c’è tra salsiccia e salsiccia fresca? Come spiega il CeIRSA – Centro interdipartimentale per la ricerca sulla sicurezza alimentare della Regione Piemonte – la confusione nasce dall’utilizzo del termine “salsiccia fresca” per indicare, appunto, la freschezza del prodotto venduto sfuso o confezionato per distinguerla dalle salsicce stagionate, riferendosi solo al suo aspetto. In realtà, contrariamente a quanto si possa pensare, si tratta di due prodotti diversi dalle caratteristiche tecnologiche ben regolamentate.

La “salsiccia fresca”, prodotto tipico di alcuni territori italiani in cui vi è l’abitudine di consumarla cruda, è una preparazione di carne in cui è vietata l’aggiunta di coloranti e conservanti, ma solamente di antiossidanti. Per queste ragioni, ha tipicamente una conservabilità di pochi giorni (48-72 ore), anche se grazie alla conservazione in confezioni con atmosfera modificata e in frigorifero può raggiungere i 15 giorni.

La salsiccia è lo stesso prodotto che può essere sottoposto a stagionatura, ma venduto subito dopo la preparazione

Invece, la “salsiccia” è un prodotto trasformato a base di carne, con un valore di acqua libera (aw) inferiore a 0,97 e che può contenere antiossidanti, coloranti e conservanti. Si tratta dello stesso prodotto che viene sottoposto alla stagionatura, ma venduto subito dopo la preparazione. In atmosfera modificata, la salsiccia può essere conservata fino a 30 giorni.

Come può, quindi, un consumatore distinguere una “salsiccia fresca” da una semplice “salsiccia”? L’aspetto è pressoché identico, quindi è necessario leggere l’etichetta per accertarsi dell’assenza di coloranti e conservanti. Inoltre, le salsicce fresche prodotte con ingredienti di buona qualità hanno generalmente un prezzo maggiore. Infine, una salsiccia fresca assume al momento della cottura un colore grigiastro: pur allarmando molti consumatori, questa è un’ulteriore prova dell’assenza di coloranti e conservanti, che invece consentono alle salsicce di mantenere il colore rosa anche dopo la cottura.

© Riproduzione riservata

sostieni

Le donazioni si possono fare:

* Con Carta di credito (attraverso PayPal). Clicca qui

* Con bonifico bancario: IBAN: IT 77 Q 02008 01622 000110003264

 indicando come causale: sostieni Ilfattoalimentare.  Clicca qui

  Redazione Il Fatto Alimentare

Redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Woman reading food labels

In etichetta l’origine di tutti gli ingredienti dei prodotti alimentari! L’ennesima favola di politici e Coldiretti

Il ministro Gian Marco Centinaio esulta per l’approvazione al Senato dell’emendamento al decreto legge Semplificazioni …

2 Commenti

  1. giovanni gozzi

    Se l’acido acetico è un antiossidante la luna è quadrata.

  2. Giuseppe Munfuletto

    Un esempio di Prodotto Agroalimentare Tradizionale italiano appartenente alla categoria Salsiccia fesca è la Salsiccia di Bra
    Ottima da consumare cruda solo se prodotta da produttori esperti, ancor meglio se appartenenti al Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione della Salsiccia di Bra