; Salmoni scozzesi: un'inchiesta rivela gravi criticità negli allevamenti
Home / Pianeta / Grande inchiesta sui salmoni scozzesi rivela gravi criticità negli allevamenti a causa di parassiti e condizioni di vita

Grande inchiesta sui salmoni scozzesi rivela gravi criticità negli allevamenti a causa di parassiti e condizioni di vita

salmoniUna grande inchiesta sull’industria scozzese del salmone rivela sofferenze diffuse dei pesci, violazioni della legislazione sul benessere degli animali e tassi di mortalità scioccanti. L’indagine realizzata sotto copertura e il relativo report intitolato “Gabbie subacquee, parassiti e pesci morti: perché è necessaria una moratoria sull’espansione dell’allevamento dei salmoni in Scozia”, è stata diffusa da una rete globale di Ong in 30 paesi e guidata dall’organizzazione per il benessere degli animali d’allevamento Compassion in World Farming. Il report evidenzia la triste realtà di molti pesci allevati in gabbie collocate in mare per produrre il famoso salmone scozzese. In Italia l’investigazione è stata rilasciata da Animal Equality, Animalisti Italiani, Animal Law, Ciwf Italia Onlus, Enpa, Essere Animali, Jane Goodall Institute Italia, Marevivo e Sea Shepherd Italia.

L’inchiesta è stata condotta in 22 aziende, con filmati raccolti in diverse realtà scozzesi tra settembre e novembre 2020. Dopo aver esaminato i filmati si è notato che una parte considerevole dei pesci vive in uno stato di scarso benessere. Sono stati rilevati danni da pidocchi, alghe che crescevano nelle ferite aperte dei pesci, danni alle branchie, danni alle pinne, teste bianche, abrasioni e lesioni e danni alla bocca. Ad alcuni pesci mancavano pezzi di carne. Compassion ha prontamente segnalato queste scoperte all’Animal and Plant Health Agency, ritenendo che le criticità si possono considerare una violazione dell’Animal Health and Welfare (Scotland) Act 2006. In due allevamenti è stata riscontrata la presenza di salmoni letargici che  faticavano a respirare a causa dell’acqua sporca, pesci con deformità della spina dorsale, e molti con lesioni e pidocchi e inoltre salmoni morti venivano lasciati galleggiare nelle gabbie. 

In due allevamenti è stata riscontrata la presenza di salmoni letargici che  faticavano a respirare a causa dell’acqua sporca

Secondo le associazioni l’industria scozzese dell’allevamento di salmone ha gravi problemi di benessere animale e ambientali da risolvere. Con gli attuali livelli di produzione, le infestazione di pidocchi marini e le malattie sono fuori controllo e causano sofferenza ai pesci in maniera allarmante, minacciando anche le popolazioni di pesci selvatici.  C’è poi un problema ambientale dovuto ai rifiuti organici e chimici  che stanno cambiando la chimica dei sedimenti e uccidono la vita marina sul fondo del mare.  Oltre a ciò milioni di tonnellate di pesce catturato in natura sono ridotte a farina e olio di pesce per nutrire i salmoni negli allevamenti intensivi (ne abbiamo parlato qui). 

La Scozia è il terzo produttore mondiale di salmone atlantico d’allevamento (circa 38 milioni di pesci prodotti nel 2019), con esportazioni in oltre 50 paesi, e il governo scozzese sostiene un piano per la massiccia espansione dell’industria entro il 2030. L’Italia è fra i primi dieci importatori. Oltre il 96% della produzione di salmone scozzese è gestita da cinque aziende: Cooke Aquaculture, Grieg Seafood, Mowi, Scottish Sea Farms e The Scottish SalmonCompany.

Compassion ha scritto una lettera aperta al governo scozzese, chiedendo urgentemente una moratoria sull’espansione dell’industria

L’industria scozzese dell’allevamento di salmone presenta gravi problemi di benessere animale e ambientali. Con gli attuali livelli di produzione, l’infestazione di pidocchi marini e le malattie sono fuori controllo e causano sofferenza ai pesci in maniera allarmante. Compassion ha scritto una lettera aperta al governo scozzese, chiedendo urgentemente una moratoria sull’espansione dell’industriaCiò è urgente e necessario fino a quando non saranno messe in atto misure di controllo efficaci in grado di garantire il benessere del salmone d’allevamento e dei pesci pulitori oltre che prevenire l’impatto negativo sull’ambiente e sulla biodiversità della Scozia.

© Riproduzione riservata Foto: Ciwf Italia Onlus

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Sara Rossi

Sara Rossi
giornalista redazione Il Fatto Alimentare

Guarda qui

Pecore al pascolo in montagna

Nasce la prima scuola di pastorizia in Italia. Una forma di lavoro sostenibile che contrasta l’abbandono delle terre

La pastorizia – il sistema tradizionale di allevamento estensivo a pascolo brado di diverse specie …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *