Home / Allerta / Salmonella in quaglie dall’Italia e piombo in salame di camoscio fresco… Ritirati dal mercato europeo 72 prodotti

Salmonella in quaglie dall’Italia e piombo in salame di camoscio fresco… Ritirati dal mercato europeo 72 prodotti

quaglie carne SalmonellaNella settimana n°42 del 2018 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 72 (8 quelle inviate dal Ministero della salute italiano).

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende due casi: mercurio in lombi di squalo mako (Isurus oxyrinchus) congelati, dal Portogallo; Salmonella enterica (ser. Typhimurium) in quaglie congelate dall’Italia.

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: conteggio troppo elevato di Escherichia coli in cozze vive, dalla Spagna; Salmonella in preparato a base di soia destinata a mangime, da Italia.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: solfiti non autorizzati e non dichiarati in mostarda acida dalla Tailandia; coloranti non autorizzati ( E102 – tartrazina, E133 – FCF blu brillante) in frutta candita sciroppata dalle Filippine; confezione danneggiata (sigillatura difettosa) di tonno in olio d’oliva, in scatola, dalle Seychelles; additivo non autorizzato (E210 – acido benzoico) in mostarda acida dalla Tailandia.

Questa settimana tra le esportazioni italiane in altri Paesi che sono state ritirate dal mercato, l’Austria segnala presenza di piombo in salame di camoscio fresco e in salame di cervo; Malta segnala la presenza di patogeni (Vibrio alginolyticus, Vibrio cholerae e Vibrio mimicus) in cozze vive (Mytilus galloprovincialis).

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare basta anche un euro.

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

formaggi latticini pepe nero

Formaggio al pepe con Escherichia coli e lattosio non dichiarato in ragù di carne… Ritirati dal mercato europeo 143 prodotti

Nelle settimane n°17 e 18 del 2019 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta …