;
Home / Allerta / Salmonella in petti e cosce di pollo dall’Ungheria… Ritirati dal mercato europeo 43 prodotti

Salmonella in petti e cosce di pollo dall’Ungheria… Ritirati dal mercato europeo 43 prodotti

salmonellaNella settimana n°17 del 2020 le segnalazioni diffuse dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) sono state 43 (tre quelle inviate dal Ministero della salute italiano). Anche il Rasff, a causa della crisi mondiale da coronavirus che ha portato alla chiusura di ristoranti, bar e negozi, ha visto dimezzare le proprie segnalazioni (43 notifiche contro, solitamente, più di 60) anche se tutte le attività di controllo sulla sicurezza alimentare proseguono.

L’elenco dei prodotti distribuiti in Italia oggetto di allerta comprende un solo caso: Salmonella enterica (ser. Infantis) in petti e cosce di pollo, salati e congelati, dall’Ungheria.

Nuovo alimento (novel food) non autorizzato semi tostati di pianta di ninfea (Euryale ferox) dall’India

Nella lista delle informative sui prodotti diffusi in Italia che non implicano un intervento urgente troviamo: presenza di sostanza non autorizzata (ossido di fenbutatin) in mandarini dalla Turchia, attraverso la Germania.

Tra i lotti respinti alle frontiere od oggetto di informazione, l’Italia segnala: nuovo alimento (novel food) non autorizzato semi tostati di pianta di ninfea (Euryale ferox) dall’India; Salmonella enterica (ser. Enteritidis) in ali di pollo refrigerate dalla Polonia.

Questa settimana non risultano esportazioni italiane in altri Paesi che siano state ritirate dal mercato.

© Riproduzione riservata

Se sei arrivato fino a qui...

...sei una delle 40 mila persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché diamo a tutti l'accesso gratuito. Il Fatto Alimentare, a differenza di altri siti, è un quotidiano online indipendente. Questo significa non avere un editore, non essere legati a lobby o partiti politici e avere inserzionisti pubblicitari che non interferiscono la nostra linea editoriale. Per questo possiamo scrivere articoli favorevoli alla tassa sulle bibite zuccherate, contrastare l'esagerato consumo di acqua in bottiglia, riportare le allerta alimentari e segnalare le pubblicità ingannevoli.

Tutto ciò è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni Il Fatto Alimentare

Roberto La Pira

  Valeria Nardi

Valeria Nardi
Giornalista

Guarda qui

Allerta alimentare: nuove linee guida per la gestione a del sistema che informa i consumatori sui prodotti sottoposti a ritiro o richiamo

La Conferenza Stato Regioni ha sancito l’intesa sulle “Linee Guida per la gestione operativa del …